Home / economia / Pensioni lavoratori precoci: quota 41 sperimentale all’orizzonte, ultime notizie sulle mosse di Damiano

Pensioni lavoratori precoci: quota 41 sperimentale all’orizzonte, ultime notizie sulle mosse di Damiano

La partita per i lavoratori precoci potrebbe davvero riaprirsi seppure con il nuovo anno. Sono queste le ultime indiscrezioni che circolano tra i ben informati in merito al braccio di ferro che oramai da mesi oppone i lavoratori precoci all’esecutivo Renzi. A consentire agli uomini e alle donne che sono al lavoro da quando avevano appena 16 anni e che ora reclamano il diritto di andare in pensione senza penalizzazioni, sarebbe una nuova idea dell’unico politico che si è interessato alle sorti di questi lavoratori, ossia Cesare Damiano.

Il presidente della Commissione Lavoro della Camera Dei Deputati, già primo firmatario della proposta di legge di quota 41, fatta su misura per i precoci, ha lanciato una provocazione all’esecutivo guidato dal suo stesso partito. Damiano, in altre parole, ha chiesto a Renzi di avviare una sorta di sperimentazione sulla fattibilità della quota 41.

In concreto si tratterebbe di prendere con il beneficio del dubbio il dispositivo di quota 41, applicarlo e poi andare a rilevare quelli che sono gli effetti della disposizione con particolare riferimento alla sostenibilità finanziaria. Si tratta di una proposta che ha già incontrato il favore dei diretti interessati e che andrebbe a tagliare la testa al toro lasciando che siano i fatti a dimostrare se essa è valida o meno. Praticamente si tratterebbe di applicare la quota 41 per “1 o 2 anni di anticipo in attesa della misura strutturale” che il governo ha in programma per il 2016.

Quella di Damiano è un’idea equilibrata sulla quale adesso sarà il governo a doversi esprimere qualora lo ritenesse opportuno. Ma si tratta anche di un’idea che, con tutta probabilità, sarà destinata ad incontrare il secco “no” del presidente dell’Inps Tito Boeri il quale, fin dal mese di luglio, va ripetendo che in tema di pensioni, quindi compreso il caso dei lavoratori precoci, la si deve smettere di proporre soluzioni tampone e ragionare solo per riforme organiche.

Loading...