Pensioni – Le regole della prima salvaguardia 2014

19 aprile 2014 17:030 commentiDi:

pensioni-calcolo-convenienza

La Legge di Stabilità per il 2014, varata a fine dello scorso anno, ha dettato anche le regole per una nuova salvaguardia, che concederà a migliaia di lavoratori italiani la possibilità di andare finalmente in pensione. I lavoratori interessati dal provvedimento – circa 17 mila persone in totale – potranno andare in pensione con le regole in vigore prima dell’ultima riforma.

E’ stato infatti pubblicato il 16 aprile 2014 il decreto attuativo del provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale e dalla data in questione ci saranno quindi 60 giorni di tempo per presentare la domanda per la richiesta all’INPS. Vediamo quindi quali saranno i lavoratori interessati dal provvedimento.

Alla prima salvaguardia del 2014 potranno partecipare:


  • i lavoratori – circa 9 mila – autorizzati al versamento volontario dei contributi prima del 4 dicembre 2011, a patto che abbiano almeno un contributo accreditato derivante dallo svolgimento di una effettiva attività lavorativa, compresa tra il 1 gennaio 2007 e il 30 novembre 2013 e che alla stessa data non risultavano lavoratori dipendenti a tempo indeterminato
  • 900 lavoratori autorizzati come i precedenti, che abbiano versato almeno un contributo volontario entro il 6 dicembre del 2011 e non abbiano avuto più rapporti a tempo indeterminato entro questa data
  • 5200 ex lavoratori  dipendenti il cui rapporto di lavoro è cessato in maniera unilaterale tra il 1 gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011, anche se successivamente hanno svolto attività di lavoro non a tempo indeterminato
  • 1000 lavoratori che si trovavano nella condizione di lavoratori in mobilità ordinaria alla data del 4 dicembre 2011. La condizione vale però soltanto per quei lavoratori che maturano i requisiti richiesti dalla salvaguardia entro sei mesi dalla fine del periodo di mobilità stessa
  • 500 ex lavoratori della categoria degli esodati, il cui rapporto di lavoro è stato concluso anche con incentivi tra il 30 giugno e il 30 dicembre 2012.
  • 400 esodati che hanno lasciato il lavoro entro il 30 giugno 2012.





Tags:

Lascia una risposta