Home / economia / Pensioni precoci news oggi 11 luglio: stretta finale sulla quota 41, Nannicini incontra i Comitati

Pensioni precoci news oggi 11 luglio: stretta finale sulla quota 41, Nannicini incontra i Comitati

Un mese di luglio davvero caldo soprattutto se al centro del dibattito politico continua ad esserci l’argomento pensioni. Negli ultimi giorni molti sono intervenuti sull’argomento, da Poletti, Ministro del Lavoro a Boeri, Presidente dell’INPS che nel consueto rapporto INPS ha affrontato anche il tema delle pensioni.

Secondo le news di oggi 11 luglio, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Tommaso Nannicini, oggi dovrebbe incontrare una delegazione di lavoratori precoci, coloro che fanno parte dei tanti Comitati quota 41. Nannicini assieme a Poletti, in rappresentanza del Governo Renzi, sono alle prese con la definizione di un piano correttivo pensionistico. La proposta del Governo secondo cui alcuni lavoratori potranno andare in pensione fino a tre anni di anticipo rispetto alla data prevista dalla Legge Fornero non convince i lavoratori precoci. Infatti l’Ape andrebbe a penalizzare questa categoria di lavoratori a causa della restituzione di un prestito ventennale vincolante ai fini delle pensione anticipata. In realtà Nannicini nelle scorse settimane ha puntualizzato che il Governo si sta muovendo su due fronti: da una parte si cerca una soluzione che possa garantire maggiore flessibilità in uscita dall’altra delle opzioni per azzerare le penalizzazioni per alcune categorie più deboli.

Ma la richiesta dei precoci è un po’ diversa. Infatti questi lavoratori sostengono la quota 41 di Cesare Damiano. Con la quota 41, inserita nel disegno di legge 857 presentato da Damiano e Gnecchi, prevede la possibilità per i precoci di andare in pensione con 4 anni di anticipo cioè a 62 anni e 7 mesi invece che con 66 anni e 7 mesi requisito previsto dalla Legge Fornero, senza alcuna penalizzazione. Con la petizione sul ddl 857 e di conseguenza sulla quota 41 organizzata da Damiano sono state raccolte più di 50.000 firme e questo numero è destinato a crescere visto che c’è ancora tempo per firmare e sostenere le ragioni e i diritti dei lavoratori precoci.

Ad ogni modo oggi Nannicini per la prima volta dovrebbe incontrare una delegazione di precoci appartenenti ai Comitati quota 41. Staremo a vedere se ci saranno importanti novità sul fronte pensioni precoci e quota 41 in vista della Legge di Stabilità per il 2017.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *