Home / economia / Pensioni precoci news oggi 14 giugno: le ultime informazioni

Pensioni precoci news oggi 14 giugno: le ultime informazioni

Ore decisive per i lavoratori precoci. L’incontro tra Governo e Sindacati sarà determinante per i tanti lavoratori che potrebbero essere interessati dalla prossima riforma del lavoro. Secondo le news di oggi 14 giugno, alle 14:30  il Ministro del Lavoro Poletti e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Tommaso Nannicini, in rappresentanza del Governo incontreranno CGIL, CISL e UIL.

I temi su cui dovranno discutere saranno tantissimi: dal nodo pensioni anticipate alla flessibilità lavorativa, dal problema esodati alla proroga dell’opzione donna e ai lavori usuranti. Per quanto riguarda le pensioni precoci il Governo non si è pronunciato sulla proposta di Cesare Damiano. Infatti Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera, aveva avanzato l’idea di  inserire i lavoratori precoci nel disegno di legge 857 in modo per usufruire della quota 41. In sostanza la proposta consiste nella possibilità per i precoci di andare in pensione con 41 anni di contribuiti piuttosto che aspettare il raggiungimento della quota 43 o 44 prevista dalla Legge Fornero. Insomma anche i precoci vorrebbero cercare di sfruttare l’Ape, l’anticipo pensionistico proposto dal Governo.

L’Ape coinvolgerebbe i lavoratori nati dal 1951 al 1953 e permetterebbe loro di andare in pensione con tre anni di anticipo rispetto alla data prevista con maggiore flessibilità in uscita.

I lavoratori precoci potrebbero essere esclusi dall’Ape per cui in queste settimane si sono mobilitati con una raccolta firme in favore della quota 41 promossa da Damiani. Resta da capire però quanto il Governo sia disposto a trattare su questo tema. Infatti il Governo si è dichiarato favorevole ad un confronto con le parti sociali ma non ha mai espresso un parere favorevole all’estensione dell’Ape per coloro che hanno iniziato a lavorare a 15 o 16 anni.

Sicuramente il tavolo di confronto di oggi tra Governo e Sindacati è positivo, il dialogo sulla questione pensioni anticipate lascia molte speranze ai lavoratori precoci ma non solo a loro.

 

Loading...