Pensioni precoci news oggi 26 luglio: Occhiodoro, lavoratori uniti per quota 41

A breve il Governo dovrebbe convocare la delegazione di precoci appartenenti ai Comitati quota 41 per comunicare la propria decisione in merito alle richieste che i lavoratori hanno avanzato durante l’incontro dello scorso 11 luglio. A seguito dell’incontro, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Tommaso Nannicini ha rivelato che la quota 41 sarebbe stata valutata dalla Ragioneria Generale dello Stato, in modo da definirne i costi. In linea di massima si è parlato di un tempo di attesa dai 10 ai 15 giorni. Ma nell’ultima settimana è stata avanzata una nuova ipotesi per le pensioni precoci: i bonus contributivi.

Secondo le news di oggi 26 luglio, Roberto Occhiodoro, sulla pagina Facebook “Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti“, è intervenuto per cercare di tenere compatto il gruppo in modo che ogni sforzo fatto fino a questo momento non venga vanificato. Infatti le voci sul bonus contributivo prima, sul bonus contributivo solo per i precoci puri poi, ha creato un po’ di polemiche. Il bonus contributivo consisterebbe nell’attribuzione di 4 o 6 mesi di bonus per ogni anno di lavoro sotto la maggiore età. Ad esempio, un lavoratore che ha iniziato a lavorare a 14 anni, ipotizzando di ottenere il bonus massimo di 6 mesi per ogni anno, potrebbe accedere alla pensione con 40 anni e 10 mesi di contributi.

Ad ogni modo Occhiodoro ha ribadito che le richieste della delegazione di precoci a Nannicini sono state molto chiare: quota 41 per tutti. Inoltre le firme raccolte, che oggi saranno consegnate al Presidente del Senato, Grasso, dimostrano che i precoci sono uniti e che i tentativi di spaccare il gruppo sono stati vani. Sempre sul Facebook, Occhiodoro ha confermato la volontà dei precoci di arrivare al nuovo incontro con il Nannicini con delle richieste che soddisfino tutte le componenti e in base alle scelte del Governo, agire di conseguenza.

Insomma la battaglia per i precoci non sembra essere affatto finita e l’invito di Occhiodoro è sempre lo stesso, rimanere uniti e aspettare, perché solo alla fine si potranno tirare le somme e fare i conti.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *