Home / economia / Pensioni quota 96 scuola news oggi 1 luglio: a che punto siamo, ecco le ultime e gli aggiornamenti

Pensioni quota 96 scuola news oggi 1 luglio: a che punto siamo, ecco le ultime e gli aggiornamenti

E’ con una lettera aperta che il Comitato per la quota 96 si rivolge al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, al Ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia e a tutti i Ministri. Il Comitato per la quota 96 torna a far sentire la propria voce proprio nei giorni in cui il Governo è alle prese con i Sindacati per discutere sulle pensioni.

Secondo le news di oggi 1 luglio, il Comitato per la quota 96, nella lettera indirizzata al Governo, chiede un incontro, un faccia a faccia, in un qualunque posto, per poter finalmente mettere la parola fine ai loro problemi.

La quota 96 riguarda unicamente il personale della scuola che tra l’1 gennaio 2012 e il 31 dicembre 2012 ha maturato il diritto ad andare in pensione ma a causa delle novità introdotte dalla Legge Fornero è dovuto rimanere in servizio. La quota 96 valida per la sola categoria personale scuola, dovrebbe permettere a questi lavoratori di andare in pensione con un anticipo di due anni. In pratica tutti coloro che entro il 2012 hanno compiuto 60 anni di età e 36 di contributi  oppure nello stesso anno hanno raggiunto i 61 anni di età ed i 35 di contributi possono andare in pensione anticipatamente con 64 anni e 7 mesi.

Il Governo avrebbe dimostrato interesse a portare avanti questa proposta ma il comitato quota 96  preferirebbe un patto chiaro per poter finalmente andare in pensione. E’ per questo motivo che i lavoratori vorrebbero un incontro in modo da poter capire le reali intenzioni del Governo e non rischiare di rimanere di nuovo con un pungo di mosche in mano.

I lavoratori non ci stanno a subire lo stesso trattamento riservato loro lo scorso anno. Quando nonostante le manifestazioni e gli scioperi l’incontro con il Presidente Renzi è stato annullato e la legge sulla Buona Scuola è stata approvato con la fiducia della maggioranza. Insomma i dipendenti della scuola a favore della quota 96 sono disposti a tutto pur di non essere lasciati in servizio.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *