Piano Casa 2014 – Grandi incertezze sulle modifiche del testo

9 maggio 2014 15:450 commentiDi:

economia casa

La Commissione bilancio al Senato ha bloccato le modifiche presentate al testo del Decreto che riporta il Piano Casa 2014, che era stato da poco rivisto attraverso una serie di emendamenti che avevano esteso, modificato, allargato benefici ed agevolazioni. Gli emendamenti proposti, tuttavia, hanno incontrato il veto di Palazzo Madama per un problema di coperture. Ora la parola sul testo passerà nuovamente al governo per decidere entro il prossimo 13 maggio 2014 quali saranno gli spazi di manovra e le modifiche da applicare. 

In seguito la parola passerà ancora alla Camera per l’approvazione definitiva entro il 27 maggio, pena la decadenza del decreto stesso.

>  Le nuove regole per richiedere il bonus mobili 2014

Ecco quali sono le principali misure in forse, che potranno essere approvate o abrogate nelle prossime versioni del decreto:


  • la possibilità di riconoscere l’applicazione della cedolare secca al 10 per cento in caso di affitti con canone concordato a quei comuni che hanno subito calamità naturali. Possibile gratuità dell’imposta di registro per gli affitti a canone concordato che vengono riscritti di comune accordo tra proprietari e inquilini
  • le detrazioni IRPEF sugli affitti per i nuclei familiari a basso reddito anche agli inquilini privati e non solo per coloro che sono titolari di alloggi sociali
  • il maxisconto sul canone di affitto agli inquilini che avevano registrato i contratti in nero, dichiarati in un primo momento incostituzionali
  • le restrizioni e i provvedimenti per coloro che occupano abusivamente gli alloggi e si allacciano ai servizi di fornitura senza autorizzazione
  • l’imposizione di un tetto a 10 mila euro o meno al Bonus Mobili, secondo quanto già previsto dalla Legge di Stabilità finanziaria 2014, che non tiene più conto dell’entità degli annessi lavori di ristrutturazione
  • la vendita di un numero più alto di alloggi pubblici e il finanziamento di risorse come il fondo per la morosità incolpevole e per il sostegno agli affitti.

 






Tags:

Lascia una risposta