Piano Casa 2014 – Le ultime novità per il Bonus mobili e la cedolare secca

18 maggio 2014 15:490 commentiDi:

acquisto_casa

Il Senato ha approvato il Piano Casa, il decreto che riporta una serie di importanti norme in materia di immobili e abitazione. All’interno del Piano sono infatti contenute le nuove norme che disciplineranno agevolazioni sociali e fiscali come il Bonus mobili e la cedolare secca sugli affitti. 

Piano Casa 2014 – Grandi incertezze sulle modifiche del testo

Poiché il decreto in questione è stato oggetto di numerose modifiche e emendamenti nel corso degli ultimi mesi, facciamo ora il punto sull’assetto assunto dal Bonus mobili e dal  regime opzionale della cedolare secca per le locazioni.

Le nuove regole per richiedere il bonus mobili 2014


Per quanto riguarda il Bonus mobili 2014, ad esempio, è stato introdotto anche in questa lettura il tetto dei 10 mila euro all’importo dei lavori, ovvero, indipendentemente dal costo per i lavori di ristrutturazione a cui il Bonus mobili è associato, il valore massimo della detrazione che sarà possibile avere per l’acquisto di elettrodomestici, mobili e altri oggetti di arredamento per la casa sarà pari a 10 mila euro.

Per quanto riguarda invece il regime fiscale opzionale della cedolare secca in fatto di locazioni, il Piano casa ha stabilito che i contratti a canone concordato stipulati per un periodo relativo agli anni che vanno dal 2014 al 2017 godranno di una aliquota ridotta, pari al 10 per cento. Si tratta quindi di una tassazione minima, che riguarda in primo luogo i comuni che hanno un’alta densità abitativa ma che è stata estesa anche a quelli che hanno subito calamità naturali.

Un prossimo decreto ministeriale includerà la lista di tutti i comuni in cui si potrà beneficiare di tale agevolazione perché rispondenti ai requisiti indicati.

 






Tags:

Lascia una risposta