Piano Casa 2014 – Le novità sugli alloggi pubblici in vendita

18 maggio 2014 16:370 commentiDi:

casa

In alcuni post pubblicati in precedenza abbiamo visto quali saranno le principali novità che riguarderanno il Piano Casa 2014, che ha recentemente ricevuto l’approvazione da parte del Senato e dovrà presto essere approvato in via definitiva anche dalla Camera. Al suo interno sono contenute una serie di importanti norme che regolano tutti il mondo degli immobili in Italia, dalle locazioni alle agevolazioni fiscali, agli affitti in nero, agli alloggi sociali. Piano Casa 2014 – Le ultime novità per il Bonus mobili e la cedolare secca

In questo post vedremo infine quindi quali sono le principali novità che interesseranno il settore degli alloggi pubblici, la maggior parte dei quali saranno messi in vendita.

Piano casa 2014 – Le novità su alloggi sociali, occupazioni abusive e contratti in nero


La prima novità è che i Comuni potranno mettere in vendita gli alloggi pubblici che possiedono direttamente e non solo quelli che appartengono formalmente agli enti dell’edilizia pubblica residenziale. Le vendite, inoltre, potranno riguardare anche i condomini per i quali la proprietà pubblica è presente in una percentuale del 50 per cento.

I Comuni avranno inoltre l’onere di utilizzare i proventi ricavati dalle vendite per riqualificare gli alloggi che si trovano in uno stato di degrado, i quali non potranno più essere assegnati prima della sistemazione. Verranno quindi avviati piani di recupero per molte situazioni i quali comprenderanno anche opere di riqualificazione energetica. Il decreto in particolare semplifica la burocrazia a tale scopo.

La vendita degli alloggi sociali è riservata ai soli inquilini attuali, ai quali sono riconosciute condizioni agevolate nell’acquisto o finanziamenti ad hoc. Chi compra gli appartamenti in questo modo non potrà però rivenderli prima di 5 anni.

Anche le società proprietarie di immobili sociali potranno offrire agli inquilini formule di affitto con riscatto a condizioni agevolate.

 






Tags:

Lascia una risposta