Possibile rallentamento delle politiche di austerity

28 aprile 2013 12:180 commentiDi:

europaLa crisi in Europa non è ancora passata, ma per la prima volta arrivano da Bruxelles dei segnali positivi che fanno pensare ad un miglioramento della situazione politica ed economica in futuro.

Cambiano i consumi degli italiani

I miglioramenti in questione riguardano, in particolare, il rallentamento di quelle rigorose politiche di austerity che numerosi Paesi europei avevano dovuto necessariamente osservare fino ad oggi in vista del consolidamento dei loro bilanci.

Ad annunciare questo clima di apertura nei confronti de vecchi rigori sono stati in questi giorni due autorevoli voci dell’UE, il commissario agli Affari economici dell’Unione europea, Olli Rehn, e il vicedirettore della Banca Centrale Europea,Victor Constancio.


Per Ue ripresa rimandata al 2014

Il primo ha infatti dichiarato che, sebbene il consolidamento dei bilanci statali resti comunque di fondamentale importanza per l’evolversi della situazione futura, in questo momento, alla luce dei numerosi sforzi compiuti dai Paesi in difficoltà, si possono anche allentare i rigori delle politiche economiche appena passate.

Dello stesso parere anche il vicedirettore della Banca Centrale Europea,Victor Constancio, che in proposito ha parlato dell’impegno profuso nel risanamento della situazione anche dalla Bce e ha parlato della possibilità di un cambio di marcia nel rigore con cui si sono fino ad oggi affrontate alcune questioni.






Tags:

Lascia una risposta