Possibili ipotesi per gli acquisti di bond dalla Bce

21 agosto 2012 08:550 commenti

Le indiscrezioni pubblicate ieri dal settimanale tedesco Der Spiegel, secondo cui la Bce introdurrà un limite agli spread, sono state oggetto di esplicita smentita da parte dell’istituto di Francoforte, che ha provveduto ad emanare apposito comunicato stampa non appena le dichiarazioni del governo tedesco hanno lasciato presagire una giornata densa di polemiche, sensazione che ha portato anche ad ipotizzare che le indiscrezioni pubblicate dal settimanale avessero a che fare in qualche modo con la campagna elettorale già in corso.

L’ipotesi che la Bce possa definire un tetto massimo allo spread per ciascun Paese dell’Eurozona in realtà non può definirsi falsa, dal momento che non è possibile escludere che tale soluzione faccia parte del ventaglio di iniziative che l’istituto guidato da Mario Draghi sta prendendo in seria considerazione.


Un possibile tetto allo spread, dunque, figura tra le possibili ipotesi in tema di acquisto di bond da parte della Bce, anche se gli esperti ammettono che si tratta di un’ipotesi problematica per diverse ragioni. La prima riguarda le reazioni che un’iniziativa del genere potrebbe scatenare e delle quali si è avuto un assaggio ieri, mentre la seconda perplessità consiste nel rischio che tale decisione venga interpretata come un modo per fissare un certo obiettivo sui tassi, un qualcosa che sarebbe mal visto da diversi Paesi, convinti che la Bce debba intervenire solo per correggere eventuali storture e non per decidere qualcosa che il mercato deve determinare liberamente.

Altra ipotesi al vaglio della Bce potrebbe essere quella di un annuncio esplicito sull’ammontare di euro da investire in bond, un’idea che si contrappone alla terza ipotesi, ovvero quella che parla di un possibile annuncio di acquisti illimitati senza un obiettivo dichiarato. Una quarta possibilità, infine, potrebbe essere una soluzione “mista”, ossia consistente nel fissare un obiettivo ma che dovrà essere coperto con risorse limitate e riservate.






Tags:

Lascia una risposta