Prestiti chirografari – I prestiti senza la richiesta di garanzie

1 luglio 2014 11:020 commentiDi:

soldi

In un momento estremamente difficile per tutto il mondo del credito, in cui l’accesso alla liquidità è in genere abbastanza contratto e disciplinato, esistono ancora degli strumenti finanziari che permettono di accedere ad un certo quantitativo di risorse in maniera molto semplice e veloce. 

Conto corrente – Piccola guida su come scegliere quello più conveniente per le proprie esigenze

Si tratta dei cosiddetti prestiti chirografari, ovvero i prestiti richiedibili senza la presentazione di alcuna garanzia aggiuntiva. A differenza dei prestiti personali e degli altri tipi di finanziamento, infatti, i prestiti chirografari vengono concessi ai clienti solo sulla base della firma depositata dal richiedente stesso e non richiedono gli adempimenti in genere previsti per le altre tipologie.


Che cos’è e come funziona una carta revolving

I prestiti personali e quelli finalizzati, infatti, richiedono invece la specifica della motivazione per cui si richiede liquidità alla banca o all’istituto di credito e presuppongono a volte anche le presenza di una seconda firma da parte di un garante, oltre ad una serie di documenti che attestino il proprio reddito e il proprio patrimonio.

Nel prestito chirografario, invece, la procedura appare estremamente semplificata e la richiesta può essere inoltrata solo attraverso la deposizione della firma del richiedente, senza la presentazione di ulteriori garanzie.

L’assenza della richiesta di garanzie, tuttavia, non esclude però il fatto che vengano effettuati i controlli di rito sulla persona che lo richiede. Sia che si tratti di un artigiano, di un commerciante, di una piccola o media impresa o di un privato, le banche e gli istituti di credito necessitano verificare l’esistenza di una storia finanziaria solida alle spalle del loro cliente e la presenza di un comportamento sempre corretto nei confronti della richiesta di finanziamenti e mutui precedenti.






Tags:

Lascia una risposta