Previsioni prezzo benzina 2012

2 marzo 2012 11:470 commenti

aumenti del 2012Non si arresta la corsa al rialzo del prezzo dei carburanti che, nonostante il ribasso di ieri delle quotazioni internazionali dei prodotti raffinati (specialmente del diesel), fanno oggi registrare un ennesimo, seppur lieve, passo in avanti.

Rivedono i prezzi dei carburanti sia Eni, che ha stamane annunciato un rialzo di 0,5 centesimi sulla verde (a 1,823 euro/litro) e di 0,3 centesimi sul gasolio (a 1,762 euro/litro), sia Esso, con un aumento di 0,3 centesimi sulla verde (a 1,807 euro/litro) e di 0,4 centesimi sul diesel (a 1,754 euro/litro). Le due compagnie, secondo quanto riportato da Staffetta Quotidiana, vanno così ad allinearsi ai prezzi praticati dalle altre compagnie.

La media nazionale del prezzo della benzina si aggira dunque sempre intorno agli 1,82 euro/litro, mentre il costo medio del diesel sfiora quota 1,76 euro/litro. Nel dettaglio i prezzi medi praticati alla pompa (in modalità servito) vanno dagli 1,811 euro di Esso agli 1,822 di Tamoil, con le pompe No-logo a 1,741 euro/litro. Per il diesel il prezzo medio varia dagli 1,750 euro di Esso agli 1,757 di Q8, con le pompe No-logo a 1,643 euro/litro. Per i due prodotti si registrano invece picchi massimi di 1,92 euro/litro per la benzina e di 1,8 euro/litro per il gasolio.


Balzo in avanti anche per il Gpl che, secondo quanto riportato da Quotidiano Energia, fa registrare per tutti i marchi aumenti di 1,5-2 centesimi. Per il Gpl i prezzi medi oscillano ora tra  0,808 euro di Esso e Shell e gli 0,824 di IP, mentre nelle pompe No-logo il prezzo medio si attesta a 0,766.

Il costante rincaro di carburanti preoccupa le associazioni dei consumatori, il cui timore è che con l’attuale tendenza il prezzo della benzina possa raggiungere la fatidica soglia dei 2 euro al litro. Così si esprime in una nota del 29 febbraio la Federconsumatori: “In alcune zone il prezzo della benzina ha raggiunto oggi quota 1,91 – 1,92 Euro al litro. Se, come purtroppo si prospetta, il prezzo della benzina varcherà la soglia dei 2,00 euro al litro, le ricadute saranno ancora più gravi ed allarmanti”, mentre Federcontribuenti sottolinea che: “Solo per costi diretti,  rispetto allo scorso anno si avrebbero aggravi pari a +648 euro annui. Una vera enormità. Pari ad oltre un mese e mezzo di spesa alimentare di una famiglia media”.






Tags:

Lascia una risposta