Quale Forex Broker scegliere

23 marzo 2012 18:090 commenti

Scambiare valute estere, o meglio fare trading sul Forex, è possibile se si possiede una piattaforma di trading dedicata appositamente a questo business. Nel mare magnum del web è possibile trovare numerose offerte di broker, che offrono piattaforme di negoziazione in valute altamente professionali in grado di far scambiare contratti da centinaia di migliaia di euro anche senza possedere queste cifre. La scelta corretta del broker è un passo importante per il forex trader, che deve chiedersi se desidera spaziare anche su altri mercati (come ad esempio i CFD, cioè contratti derivati che permettono di replicare l’andamento di indici azionari, metalli, materie prime e tassi).

Ci sono broker che offrono solo la possibilità di fare trading sulle valute, altri invece permettono di fare trading su una moltitudine di mercati (ad esempio, ActivTrades, Saxo Bank, CMC Market, IG Markets). Un altro punto importante è capire se si necessita di una piattaforma da scaricare e installare direttamente sul proprio pc, oppure se si può operare soltanto con una piattaforma web-based (magari perché si passa molto tempo in ufficio su un pc non personale).

Poi bisogna controllare se il broker blocca il conto una volta giunti ad una determinata soglia di perdita, onde evitare di avere poi debiti con l’intermediario che va a coprire perdite superiori al margine inizialmente versato. Inoltre, è sempre meglio trovare broker che offrono la possibilità di lavorare per almeno 15-30 giorni in demo, in modo tale da provare le varie funzionalità offerte.

COME DIVENTARE UN BRAVO FOREX TRADER

Poi bisogna considerare il proprio stile di trading: se si fa scalping, serve un broker che offre l’esecuzione dell’ordine a mercato senza alcuna riquotazione e con spread molto bassi; se si lavora su base multiday, allora le esigenze possono essere diverse e ci si aspetta soprattutto che la piattaforma sia stabile ed esegua sempre gli ordini condizionati.

Tags:

Lascia una risposta