Record di fallimenti nel primo trimestre 2013

8 giugno 2013 13:420 commentiDi:

CRISI POVERTA' DISOCCUPAZIONEI primi tre mesi del 2013 si sono rivelati decisamente da dimenticare per il mondo delle imprese italiane.  Il Cerved – un gruppo specializzato nell’ analisi delle aziende e nei modelli di valutazione del rischio di credito – ha infatti compiuto una ricerca sul numero dei fallimenti e delle liquidazioni volontarie che si sono potute registrare in quel periodo nel nostro Paese, e ha rivelato che quest’ anno l’ Italia ha fatto segnare nel campo un vero e proprio record.

> Fallimenti in crescita in Italia

Se infatti le dichiarazioni di fallimento sono state in totale 3500, 19 mila imprese hanno però scelto la strada della liquidazione volontaria, avviando comunque una procedura di insolvenza. In totale, dunque, entro il mese di marzo 2013, le imprese costrette o decise a chiudere in Italia sono state circa 23 mila.

10mila negozi in meno in Italia

Ma c’è di più. Oltre a questo incremento – rispetto all’ anno passato – del 12% delle procedure di fallimento, e del 5,8% delle procedure di liquidazione, si è potuta anche registrare la novità di un dato inaspettato.

Nel primo trimestre del 2013 vi è stato anche un forte incremento dei cosiddetti concordati preventivi, un’ altra forma della disciplina dei fallimenti da poco tempo riformata, per i quali si è potuto registrare un aumento annuale del 76%.

 

Tags:

Lascia una risposta