Rendimento BOT in calo all’1,585% nell’asta del 29 agosto 2012

29 agosto 2012 12:040 commenti

Poco dopo le undici di questa mattina la Banca d’Italia ha comunicato i risultati dell’asta di BOT semestrali con scadenza 28 febbraio 2013, chiusa con un calo del rendimento e con una domanda maggiore rispetto all’asta tenuta alla fine di luglio e avente ad oggetto titoli di Stato di analoga tipologia e durata.


Più nel dettaglio, stamane sono stati collocati BOT semestrali per un ammontare complessivo pari a 9 miliardi di euro, ovvero l’intero importo messo a disposizione dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. La domanda dei BOT oggetto dell’asta, tuttavia, ha addirittura superato i 15 miliardi di euro, per un rapporto di copertura che è passato all’1,69 dall’1,64 della precedente asta, quando ricordiamo furono collocati BOT a sei mesi per un ammontare pari a 8,5 miliardi di euro in rapporto ad una domanda pari a 13,72 miliardi.

Il rendimento lordo di aggiudicazione è stato pari all’1,585%, in calo rispetto al 2,454% dell’asta di fine luglio, mentre il prezzo di aggiudicazione è stato fissato a 99,209. Secondo le elaborazioni di Assiom Forex, supponendo l’applicazione di commissioni massime, il rendimento netto minimo è pari allo 0,982%.

L’asta di questa mattina, dunque, ha confermato l’andamento al ribasso dei rendimenti dei titoli di Stato italiani, sintomo di una ritrovata fiducia degli investitori verso i titoli governativi italiani, nonostante ieri in serata sia arrivata dagli USA la notizia del declassamento di sette banche italiane da parte dell’agenzia di rating Fitch, che prevede inoltre per l’Italia una flessione del Pil dell’1,9% nel 2012.

Tags:

Lascia una risposta