Home / economia / Riforma delle pensioni news oggi 5 luglio: Damiano contro il cantiere sociale di Renzi

Riforma delle pensioni news oggi 5 luglio: Damiano contro il cantiere sociale di Renzi

Il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano ritiene positive le politiche di riforma  in tema previdenziale e lavorativo. In particolare l’Onorevole si riferisce al sostegno verso le categorie più deboli considerandolo un passo avanti nella riforma delle pensioni.

Secondo le news di oggi 5 luglio a Damiano però non convincerebbe il cantiere sociale di Renzi. Alcune scelte riguardo le politiche di riforma e sostegno del welfare operate dal Governo sembrerebbero infatti non soddisfare il Presidente della Commissione Lavoro. Sta di fatto però che l’attuale organizzazione e gestione del welfare ha molti punti deboli: dalle pensioni, agli ammortizzatori sociali senza dimenticare il cattivo utilizzo dei voucher che generano situazioni lavorative precarie.

Damiano insiste sulla necessità di preparare un piano pensionistico che consenta ai lavoratori di lasciare il lavoro con 4 anni di anticipo e ovviamente sottolinea l’esigenza di non sottoporre ad alcuna penalizzazione i soggetti più deboli come precoci, invalidi e coloro che svolgono lavori usuranti.

Per il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera occorre poi rivalutare le pensioni più basse. E se questo vuol dire agire sull’estensione della quattordicesima, per Damiano sarebbe un fattore da tenere in mente. Il Governo dopo l’ipotesi bonus da 80 euro sembra essere intenzionato a vagliare l’opzione quattordicesime. Infatti per Damiano aumentare la cifra e il tetto di 700 euro significherebbe dare un segnale positivo a coloro che hanno sofferto di più durante la crisi.

Il mese di luglio ed agosto saranno determinanti nella definizione di un piano da inserire nella Riforma delle Pensioni e quindi nella Legge di Stabilità per il 2017. E Bruno Busacca, della segreteria tecnica del Ministero del Lavoro, avrebbe assicurato che la questione pensioni farà parte della Legge di Stabilità per il prossimo anno e che Governo e Sindacati hanno tempo fino a metà settembre per trovare un accordo che possa soddisfare entrambe le parti.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *