Riforma fiscale 2012

20 marzo 2012 11:540 commenti

Il Governo sta mettendo a punto la riforma fiscale con notevoli cambiamenti rispetto alle vecchie norme. Il documento presentato al Consiglio dei Ministri infatti prevede l’abbandono delle tre aliquote Irpef del 20, 30 e 40 per cento del vecchio governo Berlusconi ancora all’esame della camera, perché, come attesta il documento, gli esiti sarebbero stati incerti.

Il nuovo Esecutivo preferisce concentrare sforzi e risorse sulla lotta all’evasione fiscale, dai cui ricavi vorrebbe trovare i fondi per ridurre la pressione fiscale. Le prime valutazioni sui risultati di questa lotta sarebbero fatte da una speciale commissione creata appositamente che poi darebbe anche degli indirizzi.
Anche sul fronte delle agevolazioni il Governo vuole cambiare linea rispetto al passato prossimo del Ministro Tremonti. Non più tagli lineari quindi, ma uno studio più profondo sui settori che necessitano più interventi, in modo da non creare squilibri là dove c’è più necessita di fondi.

Il capitolo catasto necessita ancora di qualche anno per essere completato già nella revisione, mentre per le imprese l’Ires dovrebbe essere sostituita dall’Iri, un’Imposta sul Reddito Imprenditoriale che dovrebbe premiare gli investimenti. L’attuale imposta infatti si basa sull’Irpef, e non premia gli imprenditori che rinvestono i loro guadagni nell’azienda.

Tags:

Lascia una risposta