Home / economia / Riforma pensioni: confronto sindacati-governo a fine maggio, ultime novità

Riforma pensioni: confronto sindacati-governo a fine maggio, ultime novità

Il confronto tra sindacati e governo sulla riforma pensioni s’ha da fare e si farà, quasi sicuramente entro la fine di questo mese: a esserne convinto è il segretario generale della Uil, Carmine Barbagallo, il quale ha auspicato che entro i prossimi 15 giorni le parti sociali coinvolte saranno convocate dall’esecutivo per discutere sui termini e sulle misure finalizzate all’attesa riforma del sistema previdenziale, ormai entrata di prepotenza tra le priorità dell’agenda di governo. 

Carmine Barbagallo si dice infatti convinto che “il confronto con il governo ci sarà a breve, entro 15 giorni, sicuramente entro il mese di maggio“. A riprova di questa convinzione c’è la volontà corale del governo e un impegno preso che di certo non potrà annoverare passi indietro sotto questo aspetto. “Lo ha annunciato il premier Renzi, lo ha affermato il sottosegretario alla presidenza del consiglio Nannicini, lo sostiene il ministro del Lavoro Poletti: questo significa che si farà“.

Ma allora perché non c’è ancora un testo del governo in proposito? Semplicemente perché prima di venire alla luce deve essere necessario il confronto con le parti sociali, secondo Barbagallo, e che la proposta di suddetto testo legato alla riforma previdenziale debba venire proprio da questo confronto.

Le proposte del sindacato al governo, intanto, sono sempre le stesse: ritoccare la riforma Fornero, intervenendo sulle parti più penalizzanti per le categorie dei lavoratori, attraverso una misura finalizzata all’introduzione della flessibilità in uscita per tutti quei soggetti che hanno 62 anni di età. A ciò si aggiunge l’ottava salvaguardia per gli esodati e un confronto vivo sulla situazione dei lavoratori precoci. Tutte proposte che saranno protagoniste anche nella manifestazione nazionale avviata dai sindacati sul tema che si terrà a Roma il prossimo giovedì 19 maggio, nella quale parteciperanno anche i tre sindacati confederali dei pensionati.

Insomma, un confronto serio e concreto sulla riforma del sistema previdenziale è atteso verso fine mese: in molti sperano che non si tramuti nell’ennesimo nulla di fatto.

Loading...