Home / economia / Riforma pensioni: Damiano appoggia Camusso, ultime notizie

Riforma pensioni: Damiano appoggia Camusso, ultime notizie

In occasione dell’evento Cgil tenutosi in Puglia, il segretario generale del sindacato Susanna Camusso ha strigliato duramente il governo per le sue politiche inefficienti relative al lavoro, appoggiando le esigenze dei più giovani e un ritorno alla stabilità e al posto fisso. La Camusso ha tuttavia sollecitato il governo anche a una urgente riconvocazione per poter parlare della riforma pensioni, e il presidente della Commissione Lavoro alla Camera Cesare Damiano, sotto quest’aspetto, ha preso l’occasione per appoggiare la sua legittima richiesta, poiché il tempo stringe. 

In Puglia la Camusso si è scagliata contro le politiche governative adottate dal Paese negli ultimi venti anni poiché ree di aver progressivamente “smantellato il diritto al lavoro“. La Camusso ha poi auspicato anche un ritorno al posto fisso, o almeno alla sua idea, affermando: “Con quale faccia si può continuare a raccontare ai giovani, perlopiù disoccupati, che devono abbandonare l’idea del posto fisso e cancellarla dalla loro cultura?” Bisogna operare in tal senso per il segretario generale della Cgil perché il lavoro resta la priorità per il Paese.

Pertanto meglio puntare su una seria e concreta riforma fiscale che restituisca serenità alle persone e agevoli le imprese. Per quanto riguarda il lavoro, la Camusso ha citato l’esempio tedesco: “Pagare poco i lavoratori non migliora il sistema economico: in Germania i contratti di lavoro vengono rinnovati. Perciò l’Italia può ripartire e rendere maggiormente competitivo il sistema Paese puntando concretamente sulla qualità del lavoro e aumentando i salari dei cittadini“.

La Camusso ha infine ribadito la necessità nonché l’urgenza di una riconvocazione delle parti sociali da parte dell’esecutivo al tavolo di discussione sulla riforma pensioni. Il presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano le è andata in soccorso, affermando le sue ragioni: “Il tema va definito entro settembre per poter essere recepito”, ha detto Damiano, visto che il tempo stringe e un nuovo incontro previsto per il mese di giugno dovrebbe essere ufficializzato a breve. Per Damiano meglio affrontare il tema della riforma pensioni prima del confronto politico relativo al referendum sulla Costituzione.

 

Loading...