Home / economia / Riforma pensioni e flessibilità in uscita: Damiano fa pressing sul governo

Riforma pensioni e flessibilità in uscita: Damiano fa pressing sul governo

Tiene banco la battaglia dialettica tra l’Italia di Renzi e l’Unione europea, ma le pensioni devono restare una priorità e non possono essere subordinate a questa guerra verbale, né tanto meno alle eventuali misure che saranno adottate per acconsentire al volere di Bruxelles. Così disse Camusso, e la leader viene sostenuta anche dal presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano, che fa pressing sul governo, chiedendo con risolutezza un intervento immediato sulle pensioni e sulla flessibilità in uscita. 

“Vogliamo aprire sin da subito un confronto con il governo sul tema della flessibilità delle pensioni“, ha ribadito Cesare Damiano, commentando poi con tono positivo i risultati provenienti dall’Inps relativi all’occupazione, riguardanti un forte incremento dei contratti a tempo indeterminato registrati da gennaio a novembre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014. “La direzione è quella giusta”, ha affermato Damiano “e va appoggiata rendendo strutturali gli incentivi per le assunzioni con il contratto a tutele crescenti”, allo scopo di rendere più economico il lavoro stabile rispetto a quello precario, svantaggiando di fatto quest’ultimo.

Il pressing sul governo è però compensato da un appoggio alla dura presa di posizione assunta da Renzi nei confronti di Juncker e dell’Unione europea, peraltro elogiata anche dalla Francia. Damiano ha infatti lodato il premier per aver detto di non volersi far telecomandare da Bruxelles. Una combattività tale, auspica Damiano, dovrebbe essere dimostrata anche “per un altro tipo di flessibilità“, vale a dire quella del sistema pensionistico.

Damiano ha pertanto chiesto pubblicamente al governo Renzi di accelerare sulla riforma pensioni e di superare ogni paura relativa al “mettere in discussione una riforma pensioni, che la troika ci ha imposto ne 2011”, con riferimento esplicito alla legge Fornero. “Non occorre cancellarla, ma correggerla”, ha poi precisato il presidente della Commissione Lavoro.

Loading...