Home / economia / Riforma pensioni: esodati in primo piano, ultime notizie e mistero svelato dalla Fornero

Riforma pensioni: esodati in primo piano, ultime notizie e mistero svelato dalla Fornero

Nervi sempre molto tesi in materia di pensioni. In attesa che il governo inizi a delineare i connotati applicativi di quella flessibilità in uscita che da tempo e da più parti è stata invocata, sono gli esodati a tornare nuovamente al centro del dibattito. Categoria creata dalla Riforma Fornero, gli esodati sono finiti proprio i bocca a quei due politici che possono essere ritenuti come i loro padri ossia Mario Monti e Elsa Fornero. Sia il senatore a vita che la professoressa specializzata in Lavoro, hanno provato a delineare quello che è stato il contesto in cui è maturato l’errore-esodati.

Non è la prima volta che Monti e la Fornero intervengono a riguardo cercando di giustificare quello che avvenne alcuni anni fa quando, in piena emergenza spread, il governo tecnico che era appoggiato da tutte le forze politiche ad eccezione della Lega Nord, fu sollecitato dall’Europa a varare immediatamente una riforma delle pensioni che potesse andare a ridurre il costo della spesa pubblica. Quel provvedimento fu votato da quasi tutti i partiti tra i quali gli stessi che oggi si scagliano contro Monti e la Fornero. E’ da qui che nasce l’intervento odierno dei due professori. Per la Fornero, in particolare, ha affermato che la questione degli esodati era una debolezza specifica di un disegno legislativo che comunque presentava aspetti molto interessanti. “E’ quasi naturale che ci si sia accaniti sulla debolezza amplificandola” ha chiarito la Fornero che ha anche aggiunto che tale debolezza è stata poi utilizzata “in modo spregiudicato a fini propri”. Ma come sono nati gli esodati? A tal riguardo l’ex ministro è stato molto chiaro: gli esodati sono scaturiti da un errore individuabile nello stesso apparato dello stato. Non è infatti un mistero, ha detto la Fornero, che all’epica “il ministero del Lavoro non aveva numeri e modelli” certi ma solo dati “che venivano o dall’Inps o dalla Ragioneria e che erano in forte contrapposizione” tra loro.