Home / economia / Riforma pensioni news oggi 10 luglio: Poletti, Ape nella Legge di Stabilità per il 2017

Riforma pensioni news oggi 10 luglio: Poletti, Ape nella Legge di Stabilità per il 2017

Sono mesi cruciali per la riforma delle pensioni in vista della prossima Legge di Stabilità per il 2017. Dopo le recenti dichiarazioni di Tommaso Nannicini, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, di Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro e di Tito Boeri, Presidente dell’INPS è il turno di Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro.

Secondo le news di oggi 10 luglio il Ministro Poletti in un’intervista ad Affaritaliani.it, a margine di Luci sul Lavoro a Montepulciano (Siena) ha espresso la sua opinione sulla riforma delle pensioni che il Governo sta pianificando in queste settimane. Poletti considera la riforma delle pensioni una priorità per il Governo, per cui la flessibilità in uscita per chi volesse andare in pensione anticipatamente è una soluzione concreta che però dovrà fare i conti con le disponibilità e risorse economiche del Paese. Il Ministro si pronuncia anche in relazione alle dichiarazioni di Boeri, sfavorevole all’Ape. Ma ancora una volta Poletti precisa che l’Ape è l’unica opzione che possa permettere maggiore flessibilità senza pesare troppo sulle casse dello Stato e senza creare problemi con l’Europa.

L’Ape permetterebbe ai nati nel triennio 1951-1953 di andare in pensione con tre anni di anticipo rispetto alla data prevista dalla pensione di vecchiaia ma a fronte di un prestito finanziato dalle banche e gestito dall’INPS. Questo prestito dovrà poi essere restituito con rate ventennali e con tassi dal 5 al 15%. Il Governo ha puntualizzato che le penalizzazioni dovrebbero essere vicine allo zero per alcune categorie deboli.

Per Poletti la flessibilità in uscita progettata con l’Ape dovrebbe costare circa 600-700 milioni. Cifra che si riferisce alle risorse pubbliche. E alla domanda sui tanto discussi 80 euro per i pensionati, il Ministro ha ribadito che il Governo sta valutando degli interventi sulle pensioni basse e anche questo è uno degli argomenti sul tavolo con i Sindacati ma ancora non si è arrivati ad una risposta.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *