Home / economia / Riforma pensioni news oggi 11 luglio: Vigili del Fuoco in sciopero, le ultime novità

Riforma pensioni news oggi 11 luglio: Vigili del Fuoco in sciopero, le ultime novità

Mesi concitati sul fronte pensioni. Dopo le dichiarazioni di Tito Boeri all’interno della relazione annuale INPS e quelle di Cesare Damiano, in risposta al Presidente INPS, il clima non è dei migliori. I lavoratori aspettano di sapere il piano che il Governo inserirà nella riforma delle pensioni e quindi nella prossima Legge di Stabilità. Intanto nuova categoria inizia a fare sentire la propria voce: i Vigili del Fuoco.

Secondo le news di oggi 11 luglio, i Vigili del Fuoco sono scesi in campo per protestare contro stipendi e pensioni. Uno sciopero di 4 ore indetto dal Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco. Il segretario generale del Conapo, Antonio Brizzi, ha ribadito quanto i lavoratori del Corpo Nazionale dei Vigile del Fuco rischino la vita. I pompieri si sono mobilitati non per chiedere dei privilegi ma solo per avere lo stesso trattamento lavorativo degli altri corpi che si occupano di sicurezza.

Questi lavoratori chiedono semplicemente l’equiparazione del trattamento retributivo e pensionistico con quello degli altri Corpi dello Stato. Sicuramente queste richieste nascono da anni di malcontento. Infatti 8 anni fa il Governo impose delle limitazioni al turn over: per ogni 10 vigili che fossero andati in pensione il corpo ne avrebbe assunti solo 2. Negli ultimi anni il numero è salito a 5 ma questo non colmato le carenze di organico.

C’è un altro fattore da tenere in considerazione: l’età di questi lavoratori, alta in relazione ai rischi che corrono ogni giorno. Per il Conapo, nonostante i Vigili del Fuoco spesso diano la vita per la sicurezza dei cittadini sono il Corpo meno retribuito: 300 euro mensili in meno e meno tutele previdenziali rispetto agli altri Corpi.

Il Sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco ha indetto una protesta per mercoledì 13 luglio a Roma davanti alla sede del Ministero dell’Economia. Pensioni e retribuzioni ancora una volta al centro delle mobilitazioni.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *