Home / economia / Riforma pensioni news oggi 29 luglio: Governo verso un nuovo scivolo per le uscite anticipate

Riforma pensioni news oggi 29 luglio: Governo verso un nuovo scivolo per le uscite anticipate

Oggi i due rappresentanti del Governo, Tommaso Nannicini, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro incontreranno il leader di CGIL, CISL e UIL per esporre loro il piano studiato per la riforma delle pensioni. Riforma che potrebbe essere inserita poi nella prossima Legge di Stabilità.

Secondo le news di oggi 29 luglio, il Governo potrebbe orientarsi sullo scivolo verso la pensione con i contributi aggiuntivi pagati direttamente dal datore di lavoro. L’ipotesi del Governo sarebbe quella di far versare direttamente all’azienda dei contributi aggiuntivi ed esentasse per il dipendente. In questo modo il datore di lavoro non avrebbe più l’obbligo di versare solo i contributi legati allo stipendio del dipendente. Anche in questo caso molto dipende dalle risorse a disposizione del Governo. Per cercare di attuare tutta una serie di interventi sulle pensioni in essere e su quelle future occorrerebbero circa 2.5 miliardi di euro. Ma nei giorni scorsi voci non ufficiali volevano una disponibilità di non oltre 1.5 miliardi. Considerando che il solo piano di anticipo pensionistico (Ape) richiede 600-700 milioni di euro, alcuni interventi potrebbero essere messi da parte. Qualche giorno fa, Nannicini, in un incontro con i deputati della sinistra Pd, ha ribadito la necessità di accelerare i tempi per riuscire a firmare qualcosa sulle pensioni entro settembre, magari con il sostegno dei Sindacati. Tuttavia gli interventi sulle pensioni sono tanti, non c’è solo l’Ape. Tra le altre priorità troviamo i lavoratori precoci, coloro che svolgono mansioni usuranti, le quattordicesime, l’aumento della no tax-area, l’opzione donna e l’ottava salvaguardia per gli esodati. Per quanto riguarda l’opzione donna, il Ministro Poletti ha confermato la proroga dell’opzione donna, infatti per questa operazione il Governo ha stanziato il denaro necessario. La situazione è un po’ diversa per gli esodati anche se il disegno di legge per l’ottava salvaguardia è arrivato alla Camera.

Ad ogni modo dopo l’incontro di oggi tra Governo e parti sociali sicuramente avremo un quadro sulle pensioni molto più chiaro.

Loading...