Risarcimento investitori Facebook dal Nasdaq

7 giugno 2012 14:420 commenti

A causa di alcuni problemi tecnici riscontrati il giorno della quotazione in Borsa di Facebook, molti investitori hanno subito pesanti perdite. Il Nasdaq Omx Group, l’operatore della Borsa elettronica americana Nasdaq, ha tuttavia annunciato l’intenzione di risarcire tali investitori delle perdite subite comunicando di aver creato un fondo ad hoc da circa 40 miliardi di dollari. Secondo le indiscrezioni, il valore di questo fondo sarebbe di gran lunga superiore rispetto a quello delle perdite causate dai problemi tecnici del sistema, in quanto il loro ammontare complessivo si aggirerebbe intorno ai 100 milioni di dollari.

SMARTPHONE FACEBOOK IN ARRIVO

I problemi tecnici riscontrati nel giorno del debutto in Borsa del social network, stando a quanto riferito dalle fonti, consisterebbero in forti ritardi causati dai grossi volumi di scambio che  il Nasdaq non sarebbe riuscito a gestire.


La sbarco in Borsa di facebook, dunque, non è iniziato nel migliore dei modi. Da un lato i problemi tecnici del Nasdaq e dall’altro la perdite registrate che hanno portato il titolo a chiudere in parità nel giorno del collocamento. Anche nei giorni successivi il titolo non ha certo brillato.

FACEBOOK HA FATTO GUADAGNARE ALLE BANCHE 100 MILIONI DI DOLLARI

Che sia un preludio al progressivo declino di Facebook? Nei giorni scorsi, ricordiamo, l fondatore dell’hedge fund Ironfire Capital, Eric Jackson, nel corso di un’intervista rilasciata alla Cnbc ha affermato che tra cinque-otto anni le società web sullo stile di Facebook scompariranno, in quanto le nuove sfide dell’interattività non riusciranno a essere affrontate con lo stesso successo. Secondo Jackson, infatti, si possono individuare tre generazioni di società web: la prima è stata quella dei grandi portali come Yahoo, la seconda riguarda il web sociale come Facebook, mentre la terza generazione è costituita dalle società concentrate nel monetizzare la piattaforma mobile.






Tags:

Lascia una risposta