Risultati BTP Italia 19 marzo 2012

20 marzo 2012 12:290 commenti

Partenza sprint per il nuovo BTP Italia, ieri al suo primo giorno di asta che proseguirà fino al 22 marzo. Il nuovo BTP indicizzato all’inflazione ha riscosso un buon successo con richieste per 1,562 miliardi di euro. Gli ordini sono stati raccolti sulla piattaforma elettronica Mot di Borsa Italiana/LSE, inviati tramite le apposite piattaforme di trading online oppure attraverso gli sportelli bancari e postali. Al termine dell’asta di 4 giorni, il Tesoro emetterà tanti titoli quanti ne sono stati richiesti. Il prezzo è fisso a 100 e tutte le domande saranno soddisfatte alle stesse condizioni.


Il BTP Italia è un titolo indicizzato all’inflazione (Foi, ex tabacchi) dalla durata quadriennale e con rivalutazione del capitale su base semestrale. Il titolo è stato creato per soddisfare le richieste dei risparmiatori retail e può essere acquistato direttamente online. Paga una cedola minima garantita del 2,25% e riconosce un “premio fedeltà” del 4xmille per chi tiene il titolo fino a scadenza (26/3/2016). La tassazione è più conveniente rispetto ai corporate bond: infatti, l’aliquota prevista è la stessa di tutti gli altri titoli di stato e cioè il 12,5%.

PREVISIONI SPREAD BTP-BUND MARZO 2012

Ieri il numero delle richieste ha toccato 34.084, ma il taglio medio dell’ammontare è stato di appena 45mila euro. La domanda è arrivata per ¾ dai risparmiatori retail e ¼ dagli investitori istituzionali. I dealer che si occupano del collocamento e della quotazione sul mercato secondario dei titoli di stato sono Banca Imi e Unicredit. Il BTP Italia piace, dunque, ai risparmiatori perché permette di avere una protezione adeguata all’aumento del tasso di inflazione.






Tags:

Lascia una risposta