I risultati del primo collocamento 2014 dei Btp Italia

18 aprile 2014 17:160 commentiDi:

MEF

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha da poco tempo chiuso ufficialmente il collocamento della prima emissione 2014 dei Btp Italia, i nuovi titoli di stato con durata fissata a 6 anni e rendimento indicizzato all’inflazione del nostro paese. 

Le condizioni economiche dei Btp Italia 2014

Il Dipartimento del Tesoro ha infatti dovuto procedere ad una doppia chiusura anticipata, sia per il mercato retail, sia per quello business, in virtù di una raccolta record, da 20 miliardi di euro, che ha fatto superare gli obiettivi sperati. I primi 10 miliardi, di conseguenza, sono arrivati nell’arco di pochi giorni dalla vendita dei titoli di stato agli investitori privati – dal 14 al 16 aprile 2014 -, mentre 10,49 miliardi di euro sono arrivati, in pochissimi minuti, da quello degli investitori professionali – nella giornata del 17 aprile 2014.

Come comprare i Btp Italia 2014

In totale, quindi, l’importo dei Btp Italia emesso per il primo collocamento annunciato del 2014 è stato pari a 20,564 miliardi di euro. Andando a tirare le somme, cioè, al mercato retail sono andati 10,068 miliardi di euro di titoli, mentre a quello istituzionale sono andati 10,546 miliardi di euro di buoni.

Il successo di questa emissione si deve forse alla fortunata intuizione di aver nettamente separato le fasi del collocamento, mentre il vero traguardo raggiunto è stato quello di portare lo stato a raccogliere proprio la somma necessaria per il finanziamento di quanto previsto dall’ultimo Documento di Economia e Finanza, il DEF 2014.

Guardando più nello specifico il bilancio dello stato, a partire dall’inizio del 2014 il Tesoro è già riuscito a collocare 173 miliardi di titoli di stato, pari a circa il 37 per cento di quanto previsto per l’intero anno. Buona è stata quindi la risposta del mercato domestico alle esigenze di fundrising della nazione, ma molto buono anche l’interesse dimostrato da parte degli investitori esteri.

 

 

 

 

Tags:

Lascia una risposta