Sanatoria cartelle di Equitalia prorogata fino al 31 maggio 2014

8 maggio 2014 15:480 commentiDi:

equitalia

I contribuenti italiani avranno una nuova, terza, possibilità per pagare le cartelle di Equitalia di cui risultano intestatari e che non sono state ancora saldate. E’ stata infatti varata una ulteriore sanatoria per il pagamento delle multe e dei ruoli registrati entro il 31 ottobre 2013. Coloro che sceglieranno di aderire a questa nuova sanatoria potranno quindi pagare i loro debiti ma non saranno tenuti anche al pagamento degli interessi e delle sanzioni dovute al ritardo nel saldo. 

Sanatoria cartelle Equitalia prorogata al 31 marzo 2014

La proroga della sanatoria, infatti, arriva proprio ora in quanto inserita all’interno del cosiddetto Salva Roma ter, il decreto che ha autorizzato la misura passato sotto approvazione qualche giorno fa. La società di recupero credito che lavora in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate fa quindi sapere che Equitalia trasmetterà non più entro il 30 giugno 2014, ma entro il 31 ottobre 2014, agli enti interessati la lista dei contribuenti che hanno tempestivamente saldato i loro debiti e informerà via posta ordinaria anche coloro che hanno pagato quanto dovuto.


Sanatoria per le cartelle di Equitalia – Pagamento senza interessi entro venerdì 28 febbraio 2014

Per quanto riguarda invece la riscossione dei debiti, la data precedentemente indicata del 15 aprile 2014 è stata ufficialmente sostituita con  quella del 15 giugno 2014. 

Le agevolazioni che verranno anche questa volta accordate ai contribuenti debitori saranno quelle di pagare in un’unica soluzione senza interessi di mora e senza interessi di ritardata iscrizione a ruolo dei debiti pregressi le cartelle di pagamento e gli avvisi di accertamento esecutivi ricevuti da Equitalia entro il 31 ottobre 2013.

Si potranno quindi pagare tributi come Iva e Irpef, ma anche le semplici multe per eccesso di velocità, il bollo auto scaduto e le sanzioni previste per le altre violazioni del Codice della Strada.






Tags:

Lascia una risposta