Scadenza pagamenti studi di settore prorogata al 7 luglio 2014

14 giugno 2014 16:270 commentiDi:

Detrazioni-Fiscali

I contribuenti italiani soggetti al pagamento degli studi di settore avranno più tempo a disposizione per pagare le imposte dovute. E’ infatti arrivata un’altra proroga nel mondo del fisco italiano dopo quella concessa ai contribuenti che presentano il modello 730 per la dichiarazione dei redditi, di cui abbiamo dato notizia in un post pubblicato prima di questo. 

Dichiarazioni dei redditi – Prorogata la data di scadenza del 730

I lavoratori dipendenti e i pensionati potranno infatti presentare la loro dichiarazione entro il 16 giugno 2014, mentre secondo le nuove misure emanate con l’ultimo consiglio dei Ministri, i contribuenti soggetti agli imposti di settore potranno pagare entro il 7 luglio 2014 e non più entro il 16 giugno 2014.


Le detrazioni del 730 oltre i 4 mila euro arriveranno dopo un anno

Su consiglio del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan il Presidente del Consiglio ha firmato un decreto legge ora in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che prevede la possibilità di pagare i versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e della dichiarazione unificata annuale entro il 7 luglio prossimo e non più entro la metà di giugno 2014, almeno per i contribuenti che esercitano attività economiche per cui sono stati elaborati studi di settore.

La proroga riguarderà anche altre categorie di contribuenti come:

  • i contribuenti che ricadono in casi di esclusione o inapplicabilità pur presentando gli studi di settore – come ad esempio nel corso del primo anno di attività
  • i contribuenti che rientrano nel regime fiscale di vantaggio per l’imprenditori giovanile
  • i lavoratori in mobilità
  • società, imprese e associazioni soggette agli studi di settore.

Dopo la data di scadenza e prima del 20 agosto 2014 i pagamenti potranno comunque essere effettuati pagando in aggiunta una maggiorazione dello 0,40 per cento.

 






Tags:

Lascia una risposta