Home / economia / Scadenze fiscali gennaio 2015: le tasse da pagare e le date

Scadenze fiscali gennaio 2015: le tasse da pagare e le date

Quella degli italiani è stata una chiusura di anno impegnativa dal punto di vista fiscale ma anche il 2015 non inizia di certo nel migliore dei modi per i contribuenti. Molte le date rosse del mese di gennaio da segnare nel calendario fiscale. Vediamo insieme quali tasse si devono pagare nei prossimi giorni e le relative scadenze.

Si inizia la prossima settimana con lunedì 12 gennaio 2015 per il pagamento dei contributi inerente al personale domestico relativamente al trimestre 1 Ottobre 2014/31 Dicembre 2014 .

Giovedì 15 gennaio invece scade il termine per il sostituto d’imposta per il Modello 730. Il giorno successivo, venerdì 16 gennaio, andranno in pagamento i contributi dei cronisti CASAGIT. Entro la stessa data inoltre bisogna saldare il pagamento dei contributi assistenziali dei cronisti INPGI inerenti al mese antecedente.

Scade sempre il 16 gennaio il termine per il pagamento dei contributi INPS inerenti al compenso mensile dei lavoratori pagato nel mese antecedente nonché pagamento alla Gestione Separata dei contributi pagati su corrispettivi assegnati nel mese antecedente ad assistenti coordinati e continuativi e delle addizionali comunali e regionali inerenti al mese antecedente. Martedì 20 gennaio sarà la volta dei contributi assistenziali integrativi Previndai a vantaggio dei direttori di società imprenditoriali, relativamente alle mensilità maturate nel trimestre Ottobre/Dicembre 2014.

Si chiude il mese “in bellezza” con l’esibizione telematica degli elenchi IVA Comunitaria e INTRASTAT mensili del mese di Dicembre 2014. Vista la mancata rivoluzione sul canone RAI inoltre si deve ricordare il bollettino da 113,5 euro. Un mese difficile insomma soprattutto se si tiene conto del fatto che dal primo gennaio sono scattati anche gli incrementi delle accise sugli alcolici e gli aumenti dei pedaggi autostradali. Amara sorpresa anche per le sigarette elettroniche: approvato infatti il decreto che prevede per i liquidi di ricarica una tassa di 3,33 euro per ogni flacone da 10 ml.

Loading...