Spread a 250, non succedeva da luglio 2011

3 maggio 2013 15:170 commenti

Spread-differenziale-btp

Una giornata molto buona quella di oggi per i mercati obbligazionari. Lo spread è sceso ai livelli minimi, in virtù del taglio dei tassi operato giovedì scorso dalla Banca Centrale europea.

In più, gli investitori sono alla ricerca di ottimi investimento. Per quanto concerne la piattaforma Tradeweb lo spread tra Btp e Bund a 10 anni apre a 251 punti base, riducendosi dal 263 punti base della chiusura di giovedì, e facendo registrando il livello più basso dal luglio 2011.

Il rendimento del Btp 10 anni benchmark è diminuito sotto la soglia di 3,70% che i dealer segnalano come il livello più basso dal 3,64% segnato il 22 febbraio 2006.


Al tempo, oltretutto, il differenziale tra Btp e Bund era in area 20 punti base. Giovedì il rendimento aveva chiuso a 3,791%, minimo da ottobre 2010. I rendimenti dei titoli a 10 anni di Francia, Austria e Belgio hanno segnato venerdì mattina nuovi minimi storici rispettivamente a 1,65%, 1,436% e 1,905%.

Il rendimento del decennale spagnolo è diminuito sotto il 4% per la prima volta dall’ottobre 2010, e anche quello portoghese è al minimo di due anni e mezzo.

Per quanto concerne le borse, dopo un’apertura in positivo Piazza Affari viaggia in negativo.

L’indice Ftse Mib fa registra un -0,10% a 16.733 punti. L’All Share diminuisce a -0,06% a 17.769 punti. L’obiettivo di contrastare i titoli bancari, tra i quali restano sopra lo zero solo Mediobanca che rimane a +0,62% e Banco Popolare di Milano a +0,10%, è dunque raggiunto. Tra le peggiori Stmicroelectronics a -1,42% e Atlantia a -1,40%. In controtendenza Telecom, che aumenta dell’1,62%, e Impregilo che dopo l’assemblea di martedì, giovedì ha chiuso la giornata a +2,1% e oggi viaggia su un +1,18%.

 






Tags:

Lascia una risposta