Spread sotto 290 dopo rielezione Napolitano

22 aprile 2013 12:450 commenti

Spread-differenziale-btp

Ad oggi, gli effetti della rielezione di Giorgio Napolitano, che è già al lavoro sul nuovo governo e che inoltre oggi presterà il giuramento di rito presso l’Altare della Patria, sono visibili anche in Borsa.

Piazza Affari si muove in netto rialzo. Ciò implica anche un innalzamento degli altri listini del Vecchio Continente.

Il tutto avviene nella giornata in cui i mercati finanziari hanno accolto (di buon grado, a quanto pare) la rielezione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Un evento inedito nella storia italiana.


> Le migliori immagini su Napolitano bis

Spostandoci sul lato tecnico, Il FTSE MIB ha guadagnato quasi due punti percentuali, trascinato dai titoli bancari. Tali titoli hanno beneficiato del nuovo calo dello spread BTp-Bund, il quale ha toccato un minimo a 278 punti, ai livelli pre-elettorali (dopo aver chiuso venerdì a 298).

In volata i titoli bancari con Ubi Banca, la quale cresce del 5%. Il Banco Popolare, invece, cresce del 4,4% mentre Unicredit sale del 4,2%.

Occorre inoltre segnalare che il rendimento dei BTp a 2 anni scende al minimo storico dell’1,267%.

Il rendimento dei decennali si attesta al 4,11%. Il differenziale Bonos/Bund è a 326 punti per un tasso del 4,52% (tabella dei rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona).






Tags:

Lascia una risposta