“Tassa patrimoniale” sui risparmi degli italiani dal 1 luglio 2014

17 giugno 2014 16:060 commentiDi:

153134460

La parola “patrimoniale” non fa affatto simpatia agli italiani e in alcuni contesti, come quelli politici, viene di norma sapientemente evitata. Un politico che vuole risultare simpatico ai cittadini conosce bene quale sia il vocabolario da evitare. Eppure, secondo molti analisti, gli italiani si troveranno proprio a breve a fare i conti con una sorta di tassa patrimoniale sui risparmi, prodottasi nel corso degli anni per una sorta di progressivo accrescimento della pressione fiscale sulle rendite. 

Come è noto, infatti, a partire dal prossimo 1 luglio 2014 verrà ad essere variata l‘aliquota dell’imposta sulle rendite finanziarie, ovvero la tassa che grava sui rendimenti della maggior parte degli strumenti finanziari che un privato può possedere per gestire i propri risparmi, la quale salirà dal 20 al 26 per cento.

L’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie nei conti deposito


Questo aumento della pressione fiscale sulle rendite, però, viene a configurarsi solo come l’ultimo di una serie di interventi fiscali che nel corso di diverso tempo hanno accresciuto il peso delle tasse sulla ricchezza. Vediamo nello specifico quali sono stati anno dopo anno.

Era circa la metà del 2011 quando l’allora governo in carica, il governo Berlusconi, ha moltiplicato i bolli sui depositi titoli, tassando in prima battuta le rendite finanziarie.

Nel 2012, poi, sotto il governo Monti, gli italiani hanno dovuto ancora stringere la cinta con l’aumento dal 12,5 al 20 per cento dell’imposta sulle rendite di titoli – quelli tassati già in precedenza -, fondi, e conti deposito.

L’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie nei conti correnti

Infine a gennaio 2014, con il governo Letta è infine arrivato l’aumento dell’imposta di bollo dallo 0,15 per cento allo 0,20 per cento.

Come si capisce da questa progressione, l’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie del governo Renzi è solo l’ultimo atto di una velata tassa patrimoniale.






Tags:

Lascia una risposta