Tassi mutui in aumento del 103% nell’ultimo anno

20 agosto 2012 14:390 commenti

Nel corso dell’ultimo anno i tassi sui mutui hanno registrato un notevole incremento: a maggio 2012, infatti, il tasso medio di interesse sui prestiti alle famiglie che vogliono acquistare un’abitazione si è attestato al 4,12%, ossia in aumento di 103 punti base rispetto ad un anno fa e di 161 punti base rispetto al livello minimo del 2,51% registrato a giugno 2010. In altre parole, per poter pagare il mutuo gli italiani sono costretti oggi a sborsare un terzo del loro reddito.

I dati sono quelli elaborati e diffusi dall’ufficio studi di Confartigianato e evidenziano, oltre ad un deciso incremento dei tassi applicati dalle banche italiane per la concessione di un mutuo, anche un ulteriore allontanamento del Bel Paese dall’Europa, dove in media i tassi sui mutui alle famiglie per l’acquisto di un’abitazione sono inferiori del 62% circa rispetto a quelli italiani. Non c’è quindi da stupirsi che nel corso del primo trimestre del 2102 le compravendite di immobili abbiano registrato un crollo del 17,8%.


L’andamento negativo del mercato immobiliare si ripercuote inevitabilmente su chi opera nel settore. Nel corso dell’ultimo anno, infatti, le imprese del settore delle costruzioni sono diminuite dell’1,36%, mentre le imprese artigiane sono calate dell’1,17%, con inevitabili conseguenze negative anche sull’occupazione, che nel periodo compreso tra giugno 2011 e marzo 2012 è diminuita del 5,1%, per un equivalente di 97.800 posti di lavoro in meno.

Arnaldo Redaelli, Presidente di Anaepa Confartigianato, ha lanciato l’allarme sottolineando l’attuale situazione di difficoltà in cui si trovano le imprese del comparto costruzioni, costrette a tentare di districarsi tra scarso credito da parte delle banche, aumento dei tassi di interesse e tempi di pagamento sempre più lunghi. La situazione, secondo Redaelli, è assolutamente drammatica, per cui se non si adotteranno al più presto soluzioni concrete migliaia di piccole imprese rischieranno la chiusura e migliaia di italiani perderanno il posto di lavoro.






Tags:

Lascia una risposta