Tasso di risparmio delle famiglie italiane in calo

9 marzo 2013 16:190 commentiDi:

Quanto riescono a effettivamente a risparmiare, in tempi di crisi, le famiglie italiane?

Si è posta questa domanda Bankitalia, che in due studi recentemente pubblicati ha fatto il punto della situazione sulla situazione reddituale delle famiglie italiane, sul loro rapporto con i consumi mensili e sulla propensione di quest ultime al risparmio.

> Cresce la povertà al Sud

Ebbene il 65% delle famiglie italiane ritiene che il proprio reddito da lavoro ormai non sia più sufficiente a coprire i consumi mensili. A pronunciarsi in questo modo sono sopratutto nuclei familiari composti da affittuari, giovani, disoccupati, pensionati e lavoratori part-time.


Bankitalia rileva in effetti che i consumi delle famiglie italiane superano oggi in molti casi il reddito da lavoro. Ne consegue che per tutte queste famiglie le possibilità concrete di risparmiare diventano pari a zero.

Uno studio Nielsen per Confimprese rileva appunti che una famiglia italiana su quattro ha ormai praticamente smesso di risparmiare e una su due ha ridotto i propri consumi all’essenziale.

Saldi solo per poche famiglie

Se si vanno poi a guardare i dati ufficiali relativi alla propensione al risparmio delle famiglie italiane negli anni passati, si nota che nel 1991 il tasso di risparmio era pari al 23,8%, mentre oggi è inferiore alla metà, essendosi ulteriormente ridotto tra il 2008 e il 2010, passando dal 12,1% al 9,7%.






Tags:

Lascia una risposta