Uomo più ricco del 2012 è Carlos Slim

6 marzo 2012 10:510 commenti

Avrà perso pure 478,4 milioni di dollari in un solo giorno lo scorso 2 marzo, ma il magnate messicano delle telecomunicazioni Carlos Slim Helù resta ancora la persona più ricca del pianeta con un patrimonio di 68,5 miliardi di dollari. E’ quanto emerge dal Bloomberg Billionaires Index, il nuovo indice di Bloomberg che calcola quotidianamente la variazione del patrimonio personale di uomini e donne più ricchi del mondo (agggiornamento giornaliero alle ore 23.30 italiane). Slim, di origini libanesi, detiene il controllo delle tre più grandi aziende di telecomunicazioni dell’America Latina (Telmex, Telcel, América Movil): l’impero di Slim controlla più del 70% del traffico di telefonia mobile per oltre 100 milioni di utenti.


Al secondo posto si conferma il fondatore di Microsoft, William Bill Gates III, con un patrimonio di 62,4 miliardi di dollari. Secondo l’indice di Bloomberg il patrimonio di Bill Gates è cresciuto dell’11% da inizio anno, così come quello di Slim. Al terzo posto c’è l’investitore americano Warren Buffet, che detiene un patrimonio personale pari a 43,8 miliardi di dollari. Buffet, 82 anni, soprannominato “l’Oracolo di Omaha”, è a capo della Berkshire Hathaway che possiede partecipazioni in numerose aziende della Corporate America (Coca-Cola, Gillette, McDonald’s, Walt Disney, etc.). Secondo la rivista Forbes, nel 2007 e nel 2008 è stato l’uomo più ricco del mondo.

Appena dietro Buffet c’è l’imprenditore svedese, Ingvar Kamprad, il patron di IKEA, con un patrimonio di 42,5 miliardi di dollari. Segue Bernard Arnault, presidente del gruppo del luxory LVMH, proprietario del marchio Louis Vuitton, che ha un patrimonio di 42,3 miliardi di dollari. Nella top 20 ci sono anche due indiani, un cinese e un brasiliano (nessun russo però). Al 20-esimo posto troviamo Liliane Bettencourt, 89 anni, che controlla il 31% del gruppo francese L’Oreal, con un patrimonio di 22,4 miliardi di dollari. Non ci sono, invece, italiani nella top 20.






Tags:

Lascia una risposta