Utile Campari 2011 delude le attese

12 marzo 2012 11:140 commenti

Il gruppo Davide Campari ha diffuso questa mattina i dati di bilancio relativi all’esercizio 2011. Il giro d’affari del gruppo italiano leader nell’industria del beverage di marca è cresciuto del 9,6% rispetto al 2010 a 1,27 miliardi di euro. Il margine operativo lordo è stato pari a 325,8 milioni di euro, mentre il reddito operativo si è attestato a 295,5 milioni. Il tasso di crescita medio dei due indicatori di redditività è stato pari al 10% circa. L’utile netto è stato di 159,2 milioni, in crescita dell’1,9%. Il risultato ha deluso gli investitori, tanto che il titolo perde il 4,7% circa alla borsa di Milano.

L’utile inferiore alle attese degli analisti è stato la conseguenza di un aumento degli oneri finanziari netti e delle imposte, ma hanno pesato anche oneri non ricorrenti per 4,7 milioni. L’indebitamento netto è sceso a 636,6 milioni da 677 milioni. Il dividendo proposto sarà pari a 0.07€ per azione, in crescita del 16,7% rispetto al 2010. Il Ceo di Campari, Bob Kunze-Concewitz, ha dichiarato che “i risultati 2011 confermano l’estrema solidità” del gruppo. Le previsioni per il 2012 sono orientate verso un cauto ottimismo.

ANDAMENTO TITOLO CAMPARI IN TEMPO REALE

Considerando i valori di chiusura di ieri, il titolo Campari ha guadagnato quasi il 10% da inizio anno anche se la performance si è praticamente dimezzata se si tiene conto dell’andamento di questa mattina. Gli analisti sono divisi nelle loro valutazioni sul titolo. Il rating più alto è quello di Bank of America, che consiglia di acquistare le azioni per un target price di 6.2€. Intermonte è “neutral” con target a 5.6€, mentre Barclays consiglia di sottopesare il titolo in portafoglio (“underweight”) con prezzo obiettivo a 5€. Dopo la diffusione dei dati è probabile che le case d’affari faranno nuove valutazioni.

Tags:

Lascia una risposta