Utile e dividendo 2011 in calo per Ansaldo STS

6 marzo 2012 10:080 commenti

Ansaldo STS (codice di borsa: STS) ha comunicato i dati di bilancio relativi al 2011. Il gruppo operante nel settore dei sistemi di trasporto ferroviari e metropolitani, controllato da Finmeccanica, ha evidenziato lo scorso anno un giro d’affari pari a 1,21 miliardi di euro, cioè il 5,6% in meno rispetto al fatturato dell’anno precedente. In calo anche il risultato operativo, che è sceso del 15,3% a 116,1 milioni di euro, per una marginalità passata al 9,6% dal 10,7%. In calo l’utile netto a 73,1 milioni di euro.

Si tratta, dunque, di una flessione pari quasi al 30%, visto che dodici mesi prima l’utile netto era stato di 94,9 milioni di euro. L’utile per azione passa a 0,56€. Peggiora la posizione finanziaria netta del gruppo, mentre è cresciuto il portafoglio ordini. Per il 2012 il management di Ansaldo STS preferisce non sbilanciarsi troppo sulle stime di redditività, anche se in linea generale si aspetta risultati vicini a quelli ottenuti nel 2011. In calo il dividendo a 0,24€, meno di quello dello scorso anno (0,2€, valore corretto dopo l’aumento di capitale). La cedola sarà staccata il prossimo 21 maggio e andrà in pagamento tre giorni dopo.


Ieri il titolo in borsa ha chiuso a 7.32€, mostrando un andamento laterale ormai da diverse settimane. Ai valori di chiusura di ieri, da inizio anno Ansaldo STS ha perso lo 0,4% facendo decisamente peggio dell’indice di riferimento e del mercato in generale. Alcune banche d’affari, però, consigliano l’acquisto delle azioni con target price interessanti rispetto ai valori di borsa attuali. Kepler ha un prezzo obiettivo a 9.5€ (ridotto però di recente da 10.1€), Equita Sim a 9.4€, Intermonte a 9.2€: tutte e tre le società consigliano di acquistare le azioni. Più cauta Mediobanca con un “neutral”, ma target price a 8.6€, mentre Cheuvreux valuta Ansaldo con un “underperform” e target price a 7.3€.






Tags:

Lascia una risposta