Venti milioni di disoccupati in Europa

4 gennaio 2013 10:380 commenti

La società di consulenza Ernst&Young lancia l’allarme per il mercato del lavoro europeo. Lo studio pubblicato stamane parla di venti milioni di disoccupati nell’area dell’Euro nel 2013. Un numero che è dunque salito vertiginosamente, al punto da far stabilire un nuovo record.

Rispetto all’anno scorso (l’area dei disoccupati si attestava intorno ai 18,7 milioni di euro) l’incremento è preoccupante. Rispetto a due anni fa (15,9) ci sono cinque milioni in più di disoccupati. L’incremento è dunque vertiginoso.

La prognosi dunque, per quanto sia ancora riservata, è assolutamente negative. A ciò deve aggiungersi un calo dello 0,2 % del Prodotto Interno Lordo.


Il rapporto, dunque, parla di un altro anno che si prospetta preoccupante per il mercato del lavoro.

PAESI EUROPEI CON ALTO TASSO DI DISOCCUPAZIONE

Preoccupano le condizioni della Grecia. Il calo del 4,3% del Pil, sommato ad una prospettiva di crescita che non ci sarà prima del 2015, inducono a proiezioni del 28% di disoccupati sulla popolazione attiva.

In Italia, si parla soprattutto della Disoccupazione nel Mezzogiorno. Si trovano al Sud le Regioni con il più alto tasso.

A rimanere fuori da questa tendenza negativa è, come di consueto, la Germania, il cui tasso di disoccupazione si attesta ancora una volta al 6,8%.






Tags:

Lascia una risposta