Home / economia / Volkswagen: Horn fa lo scaricabarile e la polizia setaccia case dei manager

Volkswagen: Horn fa lo scaricabarile e la polizia setaccia case dei manager

L’inchiesta delle autorità tedesche sul caso delle emissioni truccate in casa Volkswagen ha riservato una evoluzione che era impensabile fino a poche settimane fa. La polizia tedesca, infatti, si è presentata nella sede del colosso automobilistico e nelle abitazioni di alcuni importanti manager di Volkswagen con un mandato di perquisizione emesso dalla Procura di Wolfsburg. Obiettivo dell’operazione, condotta con l’ausilio di oltre 50 agenti, era l’individuazione e l’acquisizione di ogni documento utile ai fini investigativi. Gli inquirenti stanno cercando di vederci chiaro andando ad individuare quella che potrebbe essere la catena delle responsabilità. La perquisizione nelle abitazioni di manager che, a vario titolo, non potevano non sapere quello che stava accadendo, è un fatto decisamente significativo poichè dimostra che la giustizia tedesca ha intenzione di individuare persone con nomi e cognomi ben precisi.

L’inchiesta della Procura tedesca procede di pari passo ad altrettanti fascicoli che sono stati aperti in tutta Europa e in Usa. E proprio dagli Usa giunge la notizia della convocazione del numero uno di Volkswagen Usa, Michael Horn, ad una audizione dinanzi ad una Commissione del Congresso Usa. Il manager ha provato ad alleggerire la sua posizione affermando che aveva intuito che vi era qualcosa di poco chiaro nel 2014 ma aggiungendo di non sapere nulla di quel software che era in grado di andare a truccare i dati sulle emissioni e che certamente fu escogitato da un qualche ingegnere senza tanti vertici sapessero nulla. Una mezza verità da parte sua che conferma però come si sapesse ad ogni livello che in casa Volkswagen i dati sulle emissioni in laboratorio e quelle sulle emissioni per strada non corrispondessero.

Mentre le inchieste vanno avanti, la casa automobilistica tedesca ha reso noto di essere pronta già a partire dal 2016 a ritirare le auto truccate. Sono milioni i veicoli coinvolti ma per alcuni di essi sarà necessario solo un cambio di impostazioni del software per altre, invece, si dovrà agire sull’hardware. I costi dell’operazione non sono noti ma Volkswagen ha già lanciato un profit warning.