Anteprima Calendario Pirelli 2013

18 luglio 2012 10:300 commenti

Il Calendario Pirelli cambia quasi totalmente registro: la grande novità è che quest’anno le modelle saranno vestite. Ebbene sì, addio modelle semi-svestite, per non dire nude: il Calendario Pirelli 2013 sarà all’insegna del volontariato anche perché dietro l’obiettivo c’è Steve McCurry, un fotografo praticamente estraneo alla moda, che ha collezionato premi per i reportage in aree di conflitto.

Sua ad esempio il celebre scatto pubblicato sul Times della ragazza afgana. Nei scatti in anteprima assoluta pubblicati da Vanity Fair si nota anche un’altra novità. Per la prima volta nella sua storia, il Pirelli vede come protagonista anche la modella Adriana Lima in attesa del secondo figlio. La modella brasiliana è stata scelta per la seconda volta per il The Cal, ma nello scatto in anteprima è ben visibile il pancione all’ottavo mese della modella messo in evidenza dall’abito nero. E questa è una piccola rivoluzione di cui la modella sembra andare molto fiera dato che ammette di non aver mai dimenticato le sue origini e la sua timidezza degli inizi.

Il calendario, realizzato a Rio De Janeiro, in diversi quartieri, da quelli storici alle favelas, alla natura selvaggia del Paese, è una sorta di diario dell’anima e vede come protagoniste 11 modelle impegnate nel sostegno a Fondazioni, Ong e progetti umanitari. Fra loro, le brasiliane Isabeli Fontana, Marisa Monte, l’attrice Sonia Braga, e ancora la ceca Petra Nemcova (già fiamma di Sean Penn), l’italiana Elisa Sednaoui, le statunitensi Kyleigh Kuhn e Karlie Kloss, la supermodella etiope Liya Kebede.

L’ultima edizione del The Cal, come viene generalmente chiamato, nato nel 1964 e rigorosamente in edizione limitata, è stata realizzata da Karl Lagerfeld nel suo studio parigino, che aveva immortalato top e attrici (tra cui Bianca Balti e Julienne Moore) nelle vesti (o quasi) di divinità mitologiche dell’antica Grecia. Diversissimo anche dal mood decisamente erotico scelto da Tony Richardson per l’edizione 2010.

Tags:

Lascia una risposta