Attrice iraniana condannata a 90 frustate e un anno di carcere

10 ottobre 2011 13:110 commentiDi:

Marzieh Vafamehr, un’attrice iraniana, è stata condannata per avere recitato in un film diretto da Granaz Moussavi, “My Teheran for Sale”, una pellicola diffamatoria contro il regime di Mahmud Ahmadinejad, ad annunciarlo l’AFP. 

L’attrice era stata già fermata nello scorso mese di luglio, quindi liberata in cambio di una garanzia. Ma questa volta, il tribunale dello Stato islamico iraniano si è dimostrato meno clemente ed ha annunciato, sabato 8 ottobre, la condanna per Marzieh Vafamehr: un anno di prigione e 90 colpi di frusta, lo ha rivelato il sito all’opposizione Kaleme.com


L’avvocato difensore dell’attrice è ricorso in appello immediatamente dopo la sentenza, ma il compito sarà molto arduo, le critiche contro il film  che evoca gli ambienti conservatori hanno, infatti,  tutta l’attenzione delle autorità iraniane.  

Sono molte le difficoltà che devono essere affrontate con questa professione, soprattutto in questi tempi di oppressione (anche Jafar Panahi e Mojtaba Mirtahmasb erano state condannate per la loro partecipazione a “Questo non è un film”). 

“My Teheran for Sale” film coprodotto con l’Australia, per il quale la donna è stata condannata, racconta la storia di una giovane attrice che vive a Teheran, dove il teatro è  proibito dalle autorità governative. Quindi per potersi esprimere artisticamente, sarà costretta alla clandestinità. 

Nonostante il divieto di diffusione in Iran, il film è stato ugualmente trasmesso illegalmente. 

Marzieh Vafamehr con la sua partecipazione al film ha voluto portare un messaggio oltre l’Iran, “condanna o no”. 

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2011 ore 15,15






Tags:

Lascia una risposta