Breivik sano di mente condannato a 21 anni di carcere

24 agosto 2012 10:510 commenti

Il tribunale di Oslo ha dichiarato Anders Behing Brevik sano di mente e lo ha condannato a 21 anni di carcere secondo il verdetto di prima istanza. Si tratta della sentenza massima permessa dalla legge norvegese. I 21 anni di carcere della condanna sono prorogabili nel caso in cui il detenuto sarà ritenuto ancora pericoloso.

L’uomo, reo confesso dell’eccidio di Utoya e Oslo del 22 luglio 2011 nella quale sono state uccise 77 persone, aveva detto che avrebbe fatto ricorso nel caso in cui fosse stato dichiarato non sano di mente. La procura aveva infatti chiesto di dichiararlo “schizofrenico paranoide” e in quel caso sarebbe stato internato in un ospedale psichiatrico anche a vita.


Nel corso del processo il 33enne Brevik è sempre stato molto coerente nel ribadire che le sue azioni sono state le conseguenze necessarie all’ideologia ultra-nazionalista e islamofoba che lo ossessiona e non il gesto folle di uno psicopatico.

Nel corso delle dieci settimane di processo l’estremista aveva sempre dichiarato che l’ospedale psichiatrico sarebbe stato per lui una condanna “peggiore della morte”. All’inizio del processo la prima perizia su Breivik lo giudicava “psicotico, schizofrenico e paranoide”: successivamente una controperizia non ha esitato a definirlo “sano di mente” e dunque imputabile. Fino ad ora Breivik è stato detenuto per diversi mesi nel carcere di Ila, una struttura modello, in una cella spaziosa dotata di tre spazi di otto metri quadrati ciascuna con palestra e computer non collegato alla rete. Ora dovrebbe scontare la pena nelle strutture comuni usufruendo così delle risorse del carcere, dai corsi di studio alla biblioteca alla palestra.






Tags:

Lascia una risposta