Home / esteri / Coree. Manovre militari sotto tensione. Seul invita i giornalisti a lasciare isola

Coree. Manovre militari sotto tensione. Seul invita i giornalisti a lasciare isola

Nuovi colpi d’artiglieria provenienti dalla Corea del Nord sono stati sentiti, oggi, alcune ore dopo le manovre militari che stavano effettuando la Corea del Sud congiuntamente con gli Stati Uniti, nel Mar Giallo.

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno iniziato questa mattina esercitazioni militari congiunte, al largo della penisola coreana sotto tensione e sotto le minacce di Pyongyang.

La Corea del Nord ha infatti, promesso di neutralizzare “senza pietà” qualsiasi intrusione in quello che lei  considera il “suo sovrano spazio marittimo”, la stessa mette in guardia “sulle conseguenze imprevedibili”, che tale addestramento andrà a causare.

Queste operazioni militari nel Mar Giallo dureranno circa quattro giorni.

Alcune ore dopo le prime esercitazioni sudcoreane, evidenti lanci di artiglieria da parte della Corea del Nord sono echeggiati verso la vicina isola sud coreana di Yeonpyeong, già bombardata la scorsa settimana da Pyongyang.

L’informazione è stata annunciata dal portavoce del ministero della difesa sudcoreano. Questo ha portato le autorità ad invitare tutti i residenti dell’isola a trovare dei ripari di emergenza.

Lo stesso ministero invita, inoltre, tutti i giornalisti che si trovano sull’isola di Yeonpeyong ad abbandonarla perche’ la situazione si sta facendo “brutta”.

Secondo Washington, le manovre americane-sudcoreane nel Mar Giallo, mirano “a dissuadere dai suoi propositi la Corea del Nord” e “non  sono dirette contro la Cina”, che considera queste acque estremamente importanti, Pechino, in realtà, si sta opponendo contro ogni azione militare non  autorizzata all’interno della zona economica esclusiva della Cina.

Gli Stati Uniti nel Mar Giallo, dispongono di una portaerei a propulsione nucleare George Washington, che può trasportare fino a 75 aerei, fra i quali caccia-bombardieri a grande raggio d’azione, oltre a 28.500 soldati in Corea del Sud. Washington, in aggiunta, ha fornito un E8 Joint STARS, un aereo per l’ordine e la sorveglianza degli obiettivi terrestri, secondo la stampa sud coreana. “Quest’aereo sorveglierà obiettivi (potenziali) terrestri dell’esercito nordcoreano”, ha spiegato un funzionario del governo sudcoreano.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *