FBI, USA e Francia nel mirino dell’ISIS

26 settembre 2014 09:320 commenti

Ha ammazzato tre giornalisti: James Foley, Steven Sotloff e Davide Haines ma adesso l’FBI sa di chi si tratta. L’intelligence americana rivela di aver identificato chi ha decapitato i giornalisti ma per il momento non può rivelarne il nome.

fbi_sn

L’FBI ha identificato l’assassino dei giornalisti occidentali e gli ha dato un soprannome, Jihadi John, perché ha un accento londinese. L’annuncio dell’FBI, però, sembra poco tempestivo visto che a fine agosto anche la stampa inglese aveva detto che i servizi segreti del Regno Unito avevano individuato il boia.


Secondo l’intelligence inglese, il boia sarebbe Abdel Majed Abdel Bary, un ex rapper di appena 23 anni che che dall’abitare in un quartiere ricco di Londra, si è trasferito in Medioriente per combattere con i jihadisti. L’FBI non è entrata così nei dettagli ed ha annunciato il riconoscimento al termine di una giornata molto intensa. Ieri, infatti all’Assemblea Generale dell’ONU; Hassan Rohani, il presidente iraniano, riferendosi agli occidentali ha detto che tutti coloro che in qualche modo hanno finanziato e sostenuto i gruppi terroristici, dovranno riconoscere i loro errori e chiedere scusa.

> Gli ostaggi italiani nelle mani dell’ISIS

Secondo Rohani il terrorismo oggi è globalizzato e i jihadisti arrivano in Medioriente da tutto il mondo. La globalizzazione del terrorismo rende ancora più plausibili gli avvertimenti del premier iracheno al-Abadi che ritiene Parigi e New York nel mirino dei terroristi. Gli obiettivi sensibili degli attacchi potrebbero essere le stazioni della metropolitana.

Continuano intanto i bombardamenti americani sulla Siria e sembra siano stati colpite le raffinerie dell’ISIS. 13 gli attacchi messi a punto dagli americani.






Tags:

Lascia una risposta