Home / esteri / Gli egiziani si mobilitano per proteggere la loro storia

Gli egiziani si mobilitano per proteggere la loro storia

Furti e rapine si susseguono nella capitale egiziana, teatro di una sesta giornata di rivolta. Due mummie di un valore inestimabile, hanno subito seri danni durante un  tentativo di furto nel famoso museo de Il Cairo,  venerdì sera.

Gli egiziani tentano in tutti i modi di proteggere i loro tesori. Sabato, centinaia di residenti hanno formato una catena umana in Piazza Tahrir davanti al principale museo della capitale,  dove vengono custodite migliaia di preziose antichità, tra cui la maschera d’oro del faraone Tutankhamon.

“Sono qui per difendere e proteggere il nostro tesoro nazionale”, ha dichiarato uno dei presenti, Farid Saad, mentre,  un’altra persona, Ahmed Ibrahim, ha sottolineato l’importanza di preservare un museo che racchiude “5000 anni della nostra storia.”

Approfittando del caos che si è creato in città, numerosi sciacalli erano riusciti ad introdursi nel museo, venerdì scorso,  superando la barriera metallica o saltando all’interno, arrampicandosi sugli alberi che ornano la carreggiata esterna.

I corpi di due mummie risalenti all’età faraonica sono stati seriamente danneggiati . “I manifestanti sono riusciti a bloccare i ladri in collaborazione con le forze di sicurezza e le mummie sono state rese al museo”, ha spiegato il responsabile dei tesori egiziani, Zahi Hawass.

Sostituendo la catena umana, al Cairo, davanti al museo, sono stati piazzati quattro veicoli corazzati  e i militari si sono appostati sul luogo per proteggere il tesoro d’Egitto, mummie, statue di pietra monumentali, gioielli e tutti i preziosi appartenuti ai faraoni.

Tuttavia, i Cairoti chiedono che la protezione militare venga estesa anche al resto dei quartieri della città. “L’esercito custodisce le grandi istituzioni, come il museo, ma non le persone ed i loro beni”, spiega un abitante del capitale.

Malgrado sia stato decretato il coprifuoco, dall ore 16 alle 8 del mattino, bande di giovani, a bordo di auto e moto, saccheggiano i supermercati, i negozi e i centri commerciali, portando via tutto ciò che trovano, mobili, televisori, apparecchi elettronici e bottiglie di alcool.

Un portavoce del ministero della Difesa ha invitato la popolazione a proteggere i loro beni, garantendo che i responsabili di sciacallaggio verranno severamente  puniti.

Loading...