Homeland e Modern Family trionfano agli Emmy Awards 2012

24 settembre 2012 10:320 commenti

Homeland e Modern Family hanno dominato la 64esima edizione degli Emmy Awards, gli Oscar televisivi che sono stati assegnati domenica a Los Angeles, presso il Nokia Theatre, nella serata condotta da Jimmi Kimmel. Homeland, il thriller psicologico basato su una serie israeliana che racconta d una missione in Iraq, ha conquistato tutti i premi più importanti per la categoria serie drammatica, aggiudicandosi le statuette come miglior serie drammatica, migliore attore drammatico (Damian Lewis), migliore attrice drammatica (Claire Danes) e migliore sceneggiatura. Un vero successo.Modern family è stato invece il vincitore assoluto nella categoria commedia: la serie è stata premiata per il miglior attore non protagonista (Eric Stonestreet), migliore attrice non protagonista (Julie Bowen), migliore regista (Steven Levitan). La vittoria di Homeland ha spezzato in qualche modo il dominio incontrastato della serie cult Mad Man, sul mondo dei pubblicitari degli Anni Sessanta, che ha dominato gli Emmy per anni.


Migliori attori brillanti protagonisti sono stati Jon Cryer per Due uomini e mezzo e Julia Louis-Dreyfus che nella serie Veep interpreta il vicepresidente degli Stati Uniti. Maggie Smith ha vinto il premio come migliore attrice drammatica non protagonista per la raffinata serie inglese Downton Abbey e Aaron Paul ha conquistato il premio come migliore attore drammatico non protagonista per Breaking Bad.

Julienne Moore, splendente in giallo acido, è stata premiata come migliore attrice protagonista per la sua interpretazione di Sarah Palin in Game Change (sulla campagna repubblicana alle elezioni presidenziali del 2008) e Kevin Costner (già premio Oscar nel 1990 per Balla coi lupi) è stato premiato come migliore attore protagonista per Hatfields & McCoys. Tom Berenger è stato premiato come migliore attore non protagonista per Hatfields & McCoys, mentre migliore attrice non protagonista è stata Jessica Lange per il thriller American Horror Story.






Tags:

Lascia una risposta