Home / esteri / In Russia essere gay significa morire: allarme dell’HRW

In Russia essere gay significa morire: allarme dell’HRW

Una notizia che lascia senza parola arriva da San Pietroburgo dove un ragazzo è stato ucciso perché omosessuale.

Due ragazzi russi nella notte tra lunedì e martedì scorso, uno di 20 anni e l’altro di 21 anni, sono stati arrestati con l’accusa di aver ucciso a coltellate un omosessuale di 38 anni, che secondo la loro testimonianza li avrebbe infastiditi.

La polizia di san Pietroburgo ha trovato il cadavere, trafitto secondo le ricostruzioni da 26 coltellate, in una stradina di Vsevolojsk, non molto lontana dalla fitta di San Pietroburgo. Gli investigatori hanno fermato con l’accusa di omicidio i 2 ragazzi che potrebbero aver agito sotto l’effetto di alcool. I due ragazzi si sono giustificati affermando che l’uomo omosessuale li avrebbe avvicinati e avrebbe fatto loro delle molestie sessuali.

In Russia essere gay era considerato un vero e proprio crimine fino al 1993 e una malattia mentale fino al 1999. Dal 2013 in Russia è in vigore una legge che vieta la propaganda gay in luoghi frequentati da minori. Attualmente i gay pride sono sistematicamente proibiti e bloccati.

Secondo Human Rights Watch (organizzazione per la difesa dei diritti umani HRW) in Russia le violenze nei confronti delle persone gay è ancora tollerata. Insomma molta strada ancora la Russia deve fare prima di considerare questo modo di vivere del tutto normale. L’omofobia è un problema esistente in Russia e che vede ogni giorno casi di aggressione nei confronti di lesbiche e gay. Episodi di violenza nei confronti degli omosessuali in Russia avvolte sono anche incoraggiati da parte delle stesse autorità.

Episodi del genere infatti non sconvolgono la cittadinanza russa, abituata a questi episodi di emarginazione e violenza nei confronti degli omosessuali. Nonostante questo proprio poche settimane fa una foto che raffigurava una coppia gay a San Pietroburgo ha vinto un premio fotogiornalistico molto importante in tutto il resto del mondo, cioè il Word Press Photo. Ciò rappresenta un segnale importante e positivo.