Home / esteri / ISIS parla per bocca di un ostaggio, John Cantlie è un caso

ISIS parla per bocca di un ostaggio, John Cantlie è un caso

Torna a parlare John Cantlie, il giornalista inglese ostaggio dell’Isis dall’autunno del 2012 (quando fu rapito insieme ad un collega) e che nel frattempo è diventato l’ inviato speciale dei terroristi. Solo poco fa dalla sua bocca erano state registrate parole di esaltazione della religione islamica che lasciavano intendere ad una conversione nonché critiche alla provocazione dei Paesi Occidentali. Il confine tra reale convincimento e costrizione non è di facile individuazione ed è per questo che, come suggeriscono gli esperti di terrorismo, si deve sempre andare con i piedi di piombo. 

Un servizio che però aveva lasciato aperti molti dubbi. L’uomo apparentemente sta bene ma non si può escludere, date le circostanze di prigionia, che parli sotto dettatura e sotto minaccia con armi. Questa volta Cantlie ha affidato “il suo” pensiero ad una lettera indirizzata alla famiglia in cui, pur ringraziando per tutto l’impegno profuso negli ultimi anni per cercare di farlo rilasciare, chiede di dimenticarlo e di andare avanti senza preoccuparsi di lui. La missiva è stata pubblicata sulla rivista jihadista Dabiq. Il giornalista conclude la lettera scrivendo “mi auguro che ormai siate andati avanti con le vostre vite”. Ora, proprio come nel caso delle sue recenti dichiarazioni di cui sopra, ci si chiede viste le condizioni quanto queste parole siano spontanee e quanto invece possano essere invece state indotte, magari sotto minaccia. Quello che può consolare la famiglia è che il giornalista appare ben vestito, curato e in buone condizioni fisiche. Ma purtroppo in questi casi è difficile stabilire con certezza quanto ci sia di vero in quello che si vede nell’obiettivo delle telecamere e di certo è impossibile dimenticare ed andare avanti con la vita di tutti i giorni come se nulla fosse successo. Forse a parlare così è un uomo che si è rassegnato all’idea di non tornare più a casa?

Loading...